me · relax

e ogni festa porta via….

Come chi..ma la Befana ovviamente no? Da domani si torna al solito tram tram: treno pieno di studenti, genitori più tranquilli perché non hanno il problema di collocare i bambini traffico a manetta per strada e conseguente iper attenzione ad attraversare la strada in città onde evitare di essere asfaltati come birilli… ovviamente su striscia. Sono qui nel lettone … lo so non sono neppure le 20 ma Silvio non c’è e vi farei vedere come sono combinata con i pelosi…praticamente me ne manca solo uno in testa .. ovviamente Birba si dedica al trattamento agopuntura, fortunatamente gratuito, beninteso è stravaccata a peso morto sul mio braccio destro roba da causarmi parestesie fino a domani… tant’è che meraviglia sono gli animali in casa? Marito escluso. Oggi ho pranzato da mamma …effetto tacchino ripieno quindi a cena solo tisana ai frutti di bosco. pensavo alle mie feste, quest’anno le ho davvero dedicate alle persone che amo , ho passato tempo in famiglia , con mia sorella a casa immersa nei miei hobby e anche nei miei pensieri e anche in un bel po’ di serie TV (lo so dovrei disintossicarmi ma non ce la facciooo.epifania

E voi come le avete passate? a spacchettare regali e immersi in innumerevoli banchetti? ve lo auguro, il Natale non può certo essere dietetico sarebbe un’aberrazione. Domani si torna alla normalità , la cosa che mi mancherà di più saranno sicuramente le luci per le città …. le trovo così belle tendono a ricordarci che anche noi siamo luce e che dobbiamo ricordarci di brillare … ecco il mio unico proposito per il 2019

E allora buona settimana a tutti spero di mantenere una costante presenza.

Annunci
me · relax

buon anno

questo 2018 è stato un anno davvero intenso che saluto con piacere fuori dalla porta di casa accompagnata da Silvio, Otello e Birba (dire in ordine di grandezza).

alberello illuminato

a gennaio mi sono iscritta a un sacco di attività… alcune le ho terminate come la coperta per Giulia altre come il progetto Serendipity è ancora li nel cassetto, ho letto meno di quanto vorrei ma mi sono portata a casa 16 libri e una serie di manuali di Psicosintesi. Ho guardato una discreta quantità di serie TV con una certa voracità il che mi ha portato spesso a sognarle e devo dire è stato fichissimo. Ho partecipato a corsi di cucito grazie a Monica di Letricotpatchwork che ne inventa sempre una nuova e mi ha permesso di conoscere nuove persone meravigliose. Ho “imparato” a tingere la lana  grazie al corso organizzato dalla Merceria Pessiva a Rivoli , mitica e anche in questo caso nella mia vita sono entrati altri visi e altre storie. Ho rinnovato la casa saccheggiando Ikea, le ho dato nuovi colori nuova luce e anche un nuovo mobile per il bagno… Silvio santo subito che ha montato il tutto non senza risvegliare almeno 25 Santi del Paradiso. Ho scoperto di essere anemica e mi sono bombata di ferro per 4 mesi e ho avuto la conferma di essere una pessima paziente.  Ho regalato a mamma la bellissima coperta con i ricami e le casette natalizie e ho dato la tesi per diventare Facilitatore nella relazione d’aiuto un traguardo raggiunto che mi ha portato tantissima gioia. Ho scoperto nuove riviste (come se la mia dipendenza non fosse sufficiente) ad esempio Flow e Gallo zafferano che mia sorella e mia madre mi hanno regalato in abbonamento. E’ arrivato Sebastiano e a lui ho preparato una romantica copertina per avvolgerlo nei suoi riposini , i suoi sorrisi sono meravigliosi come lo sono quelli di Cecilia e Giuseppe. Ho festeggiato persone importanti come Monica di letricotpatchwork che ha il suo negozio da 25 anni e nel quali nascono meraviglie… e mi sono fatta una bellissima shopper gattosa grazie ai suoi insegnamenti. Ho partecipato a fiere creative macinando chilometri e attorniandomi di bellezza e di amore regalatomi gratuitamente dalle amiche speciali che accompagnano nella quotidianità, ho acquistato materiali che mi permetterebbero di lavorare fino  al 2031 senza dover fare acquisti. ho provato a farmi crescere le unghie… il miracolo è durato 20 gironi e le cattive abitudini sono tornate. Ho partecipato a una serie di progetti all’uncinetto organizzati da Laura Soria, sempre meno di quanto vorrei, che mi hanno portato in un mondo di colori bellissimi e ad una vacanza a giugno che mi ha riempito il cuore. Mi è esploso il pollice verde… margherite , rose e orchidee crescono rigogliose… mi stupisco di questa energia ma la accetto con grande gioia. Ho prodotto borse e portalavori come non ci fosse un domani o come avessi 30 paia di spalle alcune durante corsi altre a casa con mia sorella. A giugno ho partecipato al raduno di uncinetto a Bellaria organizzato da Laura Soria e anche in questa circostanza ho conosciuto nuove persone e nuove storie si sono legate alle mie. L’estate è una stagione che non amo tutto è fermo le persone sono via.. mi sono regalata un’estate in città con l’abbonamento allo zoosafari Zoom e alla sua piscina…e un bel giro sul Montebianco con la mia famiglia e ho fato un sacco di passeggiate con Silvio e Otello nonostante quest’anno Silvio abbia lavorato davvero tantissimo. Ho mangiato cene in posti meravigliosi con persone che amo e che mi amano e che non mi hanno mai abbandonato. ho iniziato a seguire Istagram e in questo contenitore ho conosciuto creative meravigliose che mi danno sempre grande ispirazione .. con loro mi sono lasciata circondare dalla bellezza. Ho iniziato percorsi per conoscermi ancora meglio e ho scelto di partecipare al gruppo di Psicosintesi Torino  con il quale abbiamo organizzato due serate  ma faremo molto altro il prossimo anno. Ho cambiato look e ho deciso di modificare anche l’armadio e l’atteggiamento verso gli abiti… vestiti che mi rappresentino e che siano artigianale saranno la mia nuova avventura consumistica…. voglio qualcosa che mi rappresenti e rappresenti anche i miei valori. Ho tentato vacanzine col marito mandate all’aria dal maltempo ma che mi hanno fatto tanto ridere. Ho partecipato a corsi in cui ho imparato a fare saponi, dentifricio e incensi sul mio territorio . Sono andata alla fiera di Vicenza (dopo sei anni che non ci andavo) e di nuovo mi sono immersa nella bellezza creativa e sono tornata piena di buoni propositi creativi. Ho creato contest in cui ho regalato oggetti hand made ..mai quanti vorrei ma il tempo è sempre tiranno. ho partecipato a corsi e incontri di knitcafè da Filosofia a Pinerolo con Antonella padrona di casa super competente e gentile. Ho cercato di tenere il blog aggiornato, ma specialmente gli ultimi due mesi non ci sono davvero riuscita, ho addirittura pensato di chiuderlo …ma non lo faccio perchè grazie a lui mi porto dentro i moneti più belli che vivo durante l’anno.

Alla faccia del pippone direte voi… chissà magari non siete neppure arrivati fino a qui… in questo anno bellissimo ringrazio la mia amica Gisella per essermi stata vicina e avermi accompagnata in tutte le avventure che ho descritto ma soprattutto in almeno 300 giorni di quest’anno mi ha tenuto compagnia durante il caffè mattutino anche se in almeno 100 giorni la mia conversazione era davvero davvero monotona…. grazie per esserci sempre anche nel messaggio del mattino, grazie per tutti gli abbracci i tuoi “ciao bimba” sono per me fondamentali. E poi quest’anno mi ha portato la bellissima notizia che diventerò zia …non mi dilungo troppo su questo argomento perchè piango facilmente ma sappiate che la copertina è già pronta e abbiamo materiale fino ai grembiulini della scuola materna (per tenermi stretta ahaah). La mia famiglia sta bene non è mai vicina quanto vorrei ma alla distanza fisica di certo non corrisponde quella emotiva. Amici e colleghi hanno contribuito a regalarmi un 2018 sicuramente intenso… dire ammazza neppure una sfiga o una rottura di palle? Hai voglia ma di quelle non mi voglio proprio curare, vado incontro a questo 2019 con la voglia di poter risplendere lasciando per strada quello che non me lo lascerà fare… e per risplendere non intendo di certo primeggiare…. no no quest’anno non ho obiettivi lavorativi.. per il primo anno direi non me ne curo molto. Insomma mani in pasta ce le voglio mettere perchè al 31 dicembre spero di raccontare una storia simile a questa.

Buon anno a tutti che sia pieno di salute e serenità, di abbracci e persone che vi vogliano bene e ve ne vogliano per quello che siete pacchetto completo …. ps ovviamente una to do list ce l’ho eh mica affronto l’anno senza idee di cose da fare ahahahah

creatività · me · relax

mercoledì ho incontrato il gruppo di Psicosintesi e sono venute a trovarci le due Lucie di Biella; oltre alla gioia di stare assieme e confrontarci sulle esperienze reciproche me ne sono tornata a casa con un super bottino oltre che emotivo anche pratico. lanaLucia mi ha portato un sacco di lana che sua madre ha trovato negli armadi e, non usandola ha deciso di regalarla a me…. Non sapete la gioia; non solo per la quantità e qualità del materiale (il che si traduce anche in un super risparmio per gli acquisti futuri) ma per l’emozione nel portarsi a casa qualcosa che senti profondamente tuo. Ricevere in dono del materiale creativo è sempre un balsamo per l’anima perché mentre lo tocchi lo sistemi , lo metti in ordine inizi a sognare cosa diventerà a chi potrai donare il progetto finire insomma ricevere del materiale creativo è benzina per i propri sogni e per la creatività. In un certo senso ricevere del materiale comprato da altri porta con sè anche l’energia creativa di quella persona e quindi il tutto acquista un potere quasi magico…. ecco un piccolo estratto della mole di materiale stipato nell’armadio…. ormai ho esaurito i posti in cui nasconderli al marito….

knitting · me · relax

avanti il prossimo ….

Oggi ho finito e sistemato la mia canotta in cotone Debby Bliss acquistato in una delle scorribande di shopping lanoso con la mia amica Gisella. Questi bellissimi gomitoli verdi ( con i quali ho già confezionato uno scialle) li  ho presi direttamente al lanificio Lain du nord ad Avigliana…. direttamente dal produttore insomma.  Adoro questa azienda sia per i filati che produce che per il grande numero di progetti free… in più è proprio dietro l’angolo quindi impossibile resistere alla tentazione di andarci ogni tanto.

il Modello della canotta si chiama Torino’s Atmosphere ed è della bravissima Emma Fassio, un modello lineare molto semplice da realizzare anche per chi come me non è ancora a livelli super avanzati di knitting.

Ora ovviamente si tratta di pensare ad un nuovo progetto e allora ho deciso di utilizzare un filato multicolor proprio della Lain du nord che si chiama Summer Temptation per fare una nuova maglietta questa volta traforata della bravissima Valentina Cosciani.

Non ho mai interpretato un suo schema … spero di essere all’altezza perché ormai sono abituata alle spiegazioni di Emma. Che dire mi devo esercitare perchè mi sono regalata un intero libro di lavori proprio suoi quindi da qualcosa dovevo cominciare. Ho molti lavori da finire di cucito ma ultimamente la maglia mi da un grande benessere e quindi mi godo tutto quello che di positivo mi da questo hobby…. perdersi nel rassicurante movimento dei ferri è un balsamo che districa i pensieri più intricati.

me · relax

a volte…

Capitano anche a voi quei periodi in cui sentite il bisogno di essere lasciati in pace e di lasciar correre gran parte delle cose? quei momenti in cui sembrate infastiditi o arrabbiati ma semplicemente vi sentite nel posto sbagliato? In questo periodo ho da mettere a posto un po’ di cose ma soprattutto sono alla ricerca di segnali che mi facciano capire cosa diamine voglio fare… Cerco quindi di ridurre al massimo le interferenze facendo cose che  mi piacciono e tenendo lontane le rotture di scatole e i sentimenti negativi. Questo week end mi sono nuovamente regalata dei momenti di pace con la mia famiglia immersa nella natura giocando con animali che non si vedono se non  in aree protette.

Ho fatto l’abbonamento stagionale a Zoom perchè come sempre nei mesi estivi mio marito lavora e quindi non sono previste vacanze al mare ecc e quindi è un modo per ritagliarsi un pezzo di relax in queste calde giornate di sole… il top è andarci con le persone cui voglio bene perchè il connubio relax e risate è garantito…..

In queste settimane mi sono persa l’abbonamento del treno con tanto di processioni in ufficio per rifarlo e ho avuto una serie di preoccupazioni per fortuna risolte .a ringrazio di cuore la mia famiglia e gli amici che mi sostengo e che sono sempre presenti volendomi bene.

Mio marito sta lavorando un sacco ma per fortuna il miele d’acacia è pronto per essere etichettato e venduto a breve sistemeremo quello di castagno e quindi ci eclisseremo per delle meritate vacanze …. per fortuna anche i quadrupedi di casa mi dimostrano amore e comprensione 37194040_10217025108370709_7699863221892546560_n

crochet · me · relax

VACANZA ROMAGNOLA

sabato io e Gisella siamo partite alla volta di Bellaria aspettative: relax , sole, cibo risate e un po’ di cultura. abbiamo preso il nostro bel trenino e ci siamo fatte il viaggio belle comode sferruzzando e leggendo.

Arrivate a Rimini momento di relax e pausa panino e poi siamo partite alla volta di Bellaria …che bello attraversarne il centro immergendo i sensi nel profumo dei tigli … che io babbea credevo fosse di gelsomino… ma pazienza lo so che tanto Gisella ha sempre ragione…. stupendo vedere il mare e assaporare la brezza che ne accompagna il suono. Arrivate in hotel tempo zero ci siamo spiaggiate godendoci il primo solo mentre qui in Piemonte stava sbarcando Noè.

 

Ad inizio settimana abbiamo fatto un bellissimo giro a Ravenna immergendoci nei meravigliosi mosaici che avevo visto anni fa ma non mi ricordavo quanto fossero belli. Ravenna è davvero una città carina da girare con tutta calma e piena di suggestioni artistiche anche il nome delle vie ha la targa in mosaico…un dettaglio che proprio non ricordavo. Come sempre ci siamo perse l’orientamento fuori dalla stazione subito recuperato a Sant’Ampollinare …. davvero una meraviglia. Ci siamo fatte il biglietto unico in modo da vedere anche san Vitale , il battistero e il museo dove ci siamo fatte veramente un sacco di risate davanti a un quadro dove io come al solito ho fatto la cretina PIETA’.

poi sono arrivate le nostre amiche di uncinetto ed abbiamo iniziato al lavorare al progetto comune che poi è stato vinto dalla mitica Ombretta. insomma sono state giornate piene, piene di relax e piene d’amore. Sono davvero felice di essermi concessa questa vacanza e di aver condiviso tempo, emozioni e risate con amiche che conoscevo da tempo e con altre nuove splendide anime affini…. insomma sto na crema anche se al lavoro   il rientro è sempre traumatico.

me · relax

pensieri in vacanza….

a casa mia la domenica è relax per tutti, se possiamo evitiamo anche di andare in giro per negozi proprio perché ci piace goderci la famiglia e a me piace anche credere (o illudermi) che anche gli altri lo possano fare anche se faccio un lavoro dove lavorare di domenica è normale …

mi ricordo quanto erano difficili quei periodi quindi oggi santifico il regalo che ho ottenuto avendo le festività a casa godendomela il più possibile.  Se possibile mi dedico alla creatività ma anche a coccolare i miei animaletti che sembra sappiano contare i blocco casagiorni della settimana e non aspettano altro che piazzarsi il più vicino possibile a me. Questa è l’ultima settimana di lavoro prima delle tanto attese vacanze con Gisella ..non mi porterò dietro molte cose ma di certo un progetto creativo non me lo lascio scappare. non credo riuscirò ad aggiornare il blog in vacanza perchè quest’anno a differenza dello scorso il PC non me lo porto e con l’app dal cell un po’ mi annoio ad aggiornarlo.

Quando tornerò da queste vacanze voglio darmi delle risposte chiare e risolutive almeno per le domande che sono concrete…..

me · relax

dondolando 2

selfie coppiaUltimamente sto pensando a un sacco di cose… ho un po’ di progetti che partono e la stanchezza si fa sentire… più che altro si fa sentire lo sclero del viaggio perché è pur vero che adesso dormo un’ora in più ma onestamente sempre alle 6,30 mi alzo per bollare alle 9 e non mi si dica di prendere la macchina perché non è che la cosa sarebbe molto diversa se non per la gestione dei tempo libero…  Che poi onestamente forse il viaggio non è il problema maggiore il problema che più sento è il fatto di sentirmi un po’ sola, abitano così lontano da dove vivono tutte le mie conoscenze non è certo possibile dire tho mi vado a fare un caffè con ciccio… eh no perchè trattasi di spararmi 35 chilometri …. e allora? allora mi sto guardando intorno per vedere quali sono le condizioni per tornare a vivere a Torino … giusto così per vedere cosa offre il mercato. Un’altra possibilità

sedia a dondolo

sarebbe  il trasferimento ma pare che questa per il mondo del lavoro moderno non sia una strada percorribile e poi onestamente il mio lavoro mi piace non credo lo cambierei facilmente.  La terza via è farsi una vita sociale qui… tentativo miseramente fallito, immagino perchè non ci sia proprio il mio humus. Qui però mi piace ci vivo da 9 anni ci ho trovato la mia creatività e ho fatto un sacco di cose …. un master , la scuola facilitatori, il corso di piscina, la scuola di cucina, due anni di palestra e due di yoga; di certo conosco un bel po’ di persone ma con nessuna di queste si è instaurato un rapporto di amicizia…. Insomma sto vivendosedia faccia un periodo tipo mammone … di quelli che se fossi uno dei sette nani (pregasi astenersi battute….) sarei Cucciolo e chi lo sa saranno gli ormoni? che vi devo dire ..intanto ovviamente l’altra metà della famiglia non ha accolto di ottimo grado queste mie geniali proposte e ha deciso di tentare con la manipolazione… ecco il motivo di questo regalo (anche se il principe di casa dice che non è vero ahaah) la bellissima sedia a dondolo sulla quale sbavo da un trilione di anni …. manca solo che mi dica di aver letto il post sul dondolio e svengo davanti a tanta incredibile favella.

 

 

 

 

cucina · cucito · me · relax

batterie ricaricate ….

Ci sono delle settimane in cui mi pare che le mie batterie si scarichino in un nanosencondo e non c’è sonno che tenga mi sento sempre off. Di solito sono i periodi in cui ho la mente occupata dai pensieri soprattutto da fantasticherie.. ma non quelle fantasticherie belle di cui parlavo ieri; quelle che sono simili a sogni .. anzi : per dirla come Giacobbe direi che sono più simili a seghe mentali. Praticamente mi sto facendo film mentali che neppure Spilberg. Quando sono in questi periodi ci sono pochi antidoti; il più forte è di certo la presenza e l’affetto delle persone che amo di più e quindi sabato mi sono fatta una full immersion di tempo passato con mia sorella Laura che ha otto anni in meno di me e che vive a Torino… che bella giornata!!!! borse mof lauraMattinata al mercato come le comari in giro per bancarelle a scegliere vestiti e mi succede nell’ordine:

  • prendo la macchina con dentro il portafoglio di mio marito arrivo in orario all’appuntamento faccio la spesa di verdura con simpatico carrello vintage e mentre sono li concentrata mi chiama mio marito che manco Belzebù (e per fortunata chela macchina la piglio raramente) lascia il carrello al banco corri alla macchina ( parcheggiata al 1 chilometro) aspetta il marito beccati la lavata di capa che manco se fossi adolescente…. torna in stazione e recupera sorella
  • durante il mitico giro al mercato mi fermo a prendere il pane ad una “bancarella” dove lo fanno loro con farine buonissime .. ne decanto le lodi e il commesso quando tocca a me per baccagliare mia sorella fa “diamo un biscotto alla bimba” chiaramente alludendo al fatto che io fossi la madre …. santi tutti incolonnati cioè roba che ringrazia che sei sul furgoncino che se mi arrampico ti rifaccio la faccia non esattamente come quella di Daved Beckam… insomma praticamente mi sono pigliata della vecchia THO
  • dopo due ore di guarda ridi spendi e spandi torno al banco verdura chido il mio carrello .. il tipo : com’è? io – con gli orsetti- Lui: ce ne sono due…. Io ma veroooooooooo????? ma come diavolo è possibile statisticamente che zio billo non vado mai al mercato, ci vado con un carrello che non è proprio signorile ma più da diciamo tossicodipendente in presa ad astinenza da LSD e un’altra donna ce l’a ugualeeeee!!!!!!!!  Eh niente stare a ca no eh!!!!
  • Andiamo al banco della merceria per prendere il nastro per fare i manici dii una borsa …. discuti con tua sorella sul colore.. è nero no è marrone no è nero … arriva il commesso e a chi da ragione … a lei ovviamente

Riflessione: mai andare in giro al mercato con le gnocche!!!

fioriIl pomeriggio abbiamo prodotto due bellissime borse dopo aver seguito un video condiviso su FB dove ovviamente le misure della tracolle non tornavano e abbiamo fatto un tantino di giunte tipo matematicamente a m….a. Ma il risultato è davvero soddisfacente. La sera abbiamo cenato assieme e per l’occasione abbiamo sperimentato una ricetta del libro Fatto in casa da Benedetta 2  “crostata salata alla cipolla rossa” che è venuta davvero ottima noi abbiamo usato le cipolle di tropea, ve la consiglio perché è velocissima da fare e davvero buonissima….. almeno in cucina mia sorella ancora la batto ahahah. Per dessert ho fatto dei muffin cioccolato e pere usando delle pere che praticamente si sono suicidate buttandosi da sole nell’impasto e le gocce di cioccolato bianco della Perugina … non vi sto neppure a dire quanto fossero buoni (fossero passato remoto perché ormai non c’è più neppure la teglia sporca).

Dopo la bellissima serata mi sono gettata a capofitto in una domenica creativa ma di apprendimento.. ho iniziato un po’ mogia sempre per la mente non libera ma poi tutto è decollato grazie come sempre alla compagnia e alla creatività che piano piano  snoda i miei pensieri come fossero una corna del rosario e mi fa arrivare a fine giornata con il cuore più leggero e pronta ad affrontare un’altra settimana. portalavoro monicaBhe dopo sto pippone di post (grazie per averlo letto tutto) vi auguro una sfavillante settimana ricca di pace e tranquillità.

me · relax

…dondolando

minions altalena_bL’altro giorno mentre ero in treno e leggevo alcune notizie sul cellulare mi sono imbattuta in un’informazione interessante. Quanti da voi da bambini amavano andare sull’altalena? io adoravo andarci anzi mi ricordo che quando andavamo al mercato il lunedì andavo sempre con mamma ai giardini apposta per farci qualche giro poi il mio papà quando è arrivata mia sorella ne ha costruita una tutta per noi … che meraviglia!! Non lo so il bello non era proprio il fatto di volare in alto ma proprio il dondolare: quante chiacchiere fatta seduti su quell’altalena…. Oppure quanti di voi hanno il dondolo bello imbottito fuori in giardino sul quale passate i pomeriggi estivi belli rilassati a leggere un libro o si godono una domenica pomeriggio su una bella amaca tirata tra due alberi in giardino (mica per nulla si parla di amaca cosmica quando si pensa al dolce far nulla). Ebbene ho letto che alcuni ricercatori hanno fatto uno studio hanno scoperto che il fatto di possedere un dondolo renda meno cupi, meno ansiosi e meno tesi… e voilà abbiamo trovato il regalo adatto a buona parte delle persone che conosciamo direi ahahha. Mi sembra una bella scoperta chissà magari ci riconnette con qualche ritmo infantile… l’articolo non lo specificava; era una di quelle notizie flash … ma mi ha fatto sorridere.