libri · me

LIBRO 13/19

In questi giorni ci accompagna quasi sempre una pioggia battente che fa davvero primavere… il giardino ha peraltro gradito mi sembra di essere nella giungla ahahahh e dire che avevamo tagliato l’erba proprio la scorsa settimana. Speriamo non abbaino patito troppo i ciliegi i cui fori avevano appena riempito i miei occhi…. adoro la fioritura dei ciliegi mi da sempre l’idea di grande rinascita. Ma vabbè questo non è inerente il post.

educhiamo all’uguaglianza?

Ieri sera non riuscivo a dormi re e ho letto fino a tardi. Ho così terminato il terzo libro scelto dal gruppo FB di #leggistoclassico cioè IL BUIO OLTRE LA SIEPE di Harper Lee. Anche in questo caso non lo avevo mai letto quindi mi ci sono gettata dentro senza neppure andare a leggere recensioni in modo da non farmi condizionare. Il libro parte lento con la descrizione della famiglia protagonista e dell’ambiente sociale in cui si svolge la storia ….una storia che all’inizio non ti aspetti. Più ti addentri nella lettura più viene preso dalla voglia di vedere come va a finire e più ti senti parte di quel mondo. Un libro bello e potente che parla di chiusura verso l’altro quando l’altro è diverso, di paura verso le diversità e di cristallizzazione delle credenze sociali…. ma parla anche di coraggio e testimonia la possibilità di avere una voce diversa e del dovere di farla sentire. Insomma mai libro potrebbe essere più attuale. Trama a parte la scrittura corre davvero veloce non annoia e non si perde in minuziose descrizioni.

Annunci
libri · me · relax

LIBRO12/19

Ed eccoci allegramente zompettanti alla fine del libro numero 12 ; scelto tra i mai letti che giacevano tra la polvere virtuale del mio e reader, un testo scritto da uno dei miei autori preferiti: Stefano Benni. Ho scelto di leggere Elianto, scritto un bel po’ di anni fa, (precisamente 6) …. un libro che come sempre ho profondamente amato, perchè Benni si dimostra sempre un veggente e come racconta lui la scarsa virtù dei giorni nostri …Nostradamus scansate! Adoro come inventa luoghi e personaggi e come riesce ad utilizzare la lingua per descrivere le situazioni più surreali dandogli anche una parvenza di signorile eleganza … descritti da lui anche i peti sono signorili. Non sto a raccontarvi la storia di questa nostra Tristalia dove diavoli e yogi bonsai vanno alla ricerca di cose perdute attraverso mondi paralleli ….una favola per adulti che merita assolutamente di essere letta.

una favola ….. ma siamo sicuri?

E mi do anche un bel pat pat sulla spalla perché ho raggiunto il libro al mese e quindi posso ritenermi abbastanza soddisfatta …devo riconoscere, però, che il merito di questa mia prolifica lettura va sostanzialmente a Trenitalia che grazie a costanti ritardi mi permette di rimanere inchiodata allo schermi per sempre maggior tempo… grazi dunque perché i miei 832 euro di abbonamento annuale mai sono stati così fruttuosi

knitting · me · relax

mi adeguo

la primavera sta davvero bussando anche se le temperature sono ancora,e giustamente belle fresche. Le piante stanno gemmando, le margherite si stano riempiendo di fiori e anche el rose si stanno dando da fare. Come la natura si adegua la cambio delle stagioni cos’ì accade anche agli hobby creativi… infatti ho ripreso la mia maglietta di cotone (modello free di Valetina Cosciani – Galop) e ci ho dato dentro proprio il giorno della festa della donna così mi sono regalata una delle giornate che piacciono a me: in pace a creare in modo da scogliere i dubbi che ho.

non vedo l’ora di indossarlo questo cotone della Lain du Nord è davvero eccezionale .. in più sono pure produttori delle nostre zone… acquistate in modo consapevole anche le materie prime per le vostre creazioni.

me · relax

gite primaverili

Non so bene che rapporto abbiate voi con le gite ma io le adoro…. non lo so come mai forse le preferisco addirittura alle vacanze. Mi piace questa cosa del salire tutti assieme ordinati sul pullman… addormentarsi la mattina presto con la fronte schiacciata la finestrino e la sera quando si torna quello schiamazzare tipico delle scolaresche anche se a fare la gita, come in questo caso, non sono adolescenti ma adulte signore. Anche quest’anno c’è stata l’edizione primaverile della fiera di Bergamo, non potevamo nuovamente pernottare fuori quindi io Gisella e Antonella ci siamo aggregate a un gruppo creativo di Alpignano che ha organizzato un bus per andarci. Giro in giornata svegli alle 5 rientro previsto per le 20….

volersi bene

Chi mi conosce sa quanto io tenga alla puntualità … anzi sono pure un tantino maniacale sul tema…. ma mercoledì ho fatto tardi con la serata di Psicosintesi e che cosa succede? Che la mattina non mi sono svegliata cioè invece di alzarmi alle 5 mi sono alzata alle 5.50 Panicooooo!!!!

Ci siamo infilati in auto …che ovviamente era senza benzina…. il primo benzinaio era fuori servizio, cerca il secondo e il tempo pasa… io ero già in paranoia mio marito vi lascio immaginare …. abbiamo corso che Herby il maggiolone levati.. visti da fuori con Celestina sembravamo un cartone animato immagino… ma alla fine dopo un 100 metri di contromano siamo arrivati in tempo all’appuntamento (benedetta abitudine italiana del quarto d’ora accademico per qualsivoglia ambito). Una giornata merovigliosa, ho fatto un po’ di acquisti , ma non troppi (non avevo neppure una borsina a mano!) ma mi sono portata a casa un bel po’ di bellezza e di affetto. Grazie come sempre a chi mi accompagna in queste avventure e anche a mio marito che ben le tollera aaaah. Grazie a questa gita mi sono sentita nuovamente un po’ ragazzina.

libri · me · relax · Senza categoria

LIBRI 9/19

Ed eccoci al secondo classico scelto dalla comunity di #leggistoclassico. La scelta è andata su questo super libro di questa donna eccezionale. Io non lo avevo mai letto …. e dire che credevo di avere una certa cultura classica, invece due su due non li avevo letti… vedremo cosa esce dal nuovo sondaggio. Dicevamo; innanzi tutto per la prima volta ho voluto sperimentare l’audiolibro e mi sono iscritta ad audible scegliendo la versione letta da Nadia Fusini. E’ stata una bellissima esperienza anche perchè ascoltare un libro ti permette di non smettere mentre cammini (cosa auspicabile quando leggiamo) e la voce della Fusini era davvero una bellissima voce narrante. Il problema è la lentezza … io leggo molto più rapidamente di quanto leggano gli audiolibri, e anche considerata la possibilità di velocizzare l’effetto poi diventa ridicolo. Altro punto a sfavore… in treno mi pigliava il super abbiocco. Veniamo al libro però…. l’ho trovato davvero bello, lei scrive benissimo mi sono piaciute le sue descrizioni e il suo linguaggio metaforico mi somigliava molto di più di quello di Fitzgerald. Davvero belle le descrizioni ambientali come ad esempio la via Piccadilly…. solo a sentirla mi faceva sorridere. Mi ha profondamente colpito la descrizione della storia di Septimus e Lucrezia, forse i due personaggi che più ho amato. Mentre scrive riesce a rendere bene anche i rumori , ad esempio quando racconta dell’aereo pubblicitario… sembrava quasi di vederlo lì traballante sulla mia testa. Anche il racconto dell’amore , la scena dei due personaggi principali lì nel giardino davanti alla fontana che abbandonano la possibilità di vivere quell’amore. Insomma un libro che mi ha dato delle belle emozioni nonostante quel tipo di società non è certo tra le mie preferite.

creatività · cucito · relax · Senza categoria

CONTEST PRIMAVERILE

anche questo fine settimana sta terminando, ultimamente questi lunedì arrivano sempre prima …mi sa che è uno dei primi segni di invecchiamento. Questi giorni le temperature pomeridiane sono decisamente più miti infatti è iniziato il periodo del che cavolo mi metto stamattina? se esageri con gli strati morirai di caldo camminando sotto il sole gelando poi in stazione a porta Susa, viceversa esce un vento che resti rigido tipo stoccafisso. Oggi ho passato un po’ di tempo in giardino a mettere a posto i fiori …. bisogna preparare tutto in modo che possano esplodere in tutta la loro bellezza. Vediamo se i gerani hanno superato l’invero o se andranno sostituiti, margherite rose e bulbi vanno alla grande e le orchidee non sono mai state così belle. Ieri ho passato la giornata scuola quindi stamattina ho dedicato il mio tempo alle faccende domestiche ma nel pomeriggio mi sono un po’ dedicata alle mie faccende hande made. Ho quindi deciso di dar vita ad un nuovo contest a tema primaverile. Ho quindi prodotto questo simpatico portachiavi. La scadenza per averlo sarà il 20 marzo data in cui estrarrò il vincitore. Come partecipare?

  • diventate miei followers qui sul blog
  • pubblicizzate il contest sul vostro blog o pagina fb o istagram condividendo l’immagine
  • lasciate traccia di come vi posso contattare per inviarvi il regalo

Mi raccomando condividete e rendete visibile la condivisone anche a me così vi metto in elenco. Auguro a tutti una buona giornata

libri · me · relax

LIBRI 7/19

Nonostante ogni volta mi riprometta di essere più costante nello scrivere qui sul blog ogni volta mi ritrovo a scusarmi per non averlo fatto. I più attenti di voi potrebbero pensare che sono indietro di una libro …. questa infatti è l’ottava settimana invece no… ho deciso di dedicare la prima settimana di febbraio al libro scelto dal gruppo #leggistoclassico, cui partecipo su FB, perchè avevo paura di non riuscire a finirlo; invece è andato via tranquillamente. Non avevo mai letto nulla di Virgina Woolf e non volevo sottovalutarla. Sono dunque in pari ma di quel libro parlerò, come richiesto dalla fondatrice del gruppo; la prima settimana di marzo.

Questo libro è nuovamente di Paolo Cognetti di cui a inizio gennaio avevo letto “Le otto montagne”. Ho letto abbastanza velocemente “Senza mai arrivare in cima”, l’ho scelto per il titolo decisamente evocativo no? anche un po’ poetico; tende a richiamare in me quello sforzo umano costante dell’essere umano di arrivare a qualcosa senza alla fine arrivarci mai. L’autore non tradisce ; il libro è ben scritto, i paesaggi delle montagne del Tibet e le descrizioni dei personaggi sono veramente meravigliosi; quasi ti sembra di essere lì con lui a camminare attraversando quei luoghi meravigliosi che , bradipi come me mai vedranno. A me il suo stile piace, semplice non banale con un sacco di metafore. Ad un certo punto descrive le bandiere come ciò che rende visibile l’invisibile.. solo grazie al loro svettare possiamo vedere il vento… insomma io amo questo linguaggio un po’ poetico ma semplice e chiaro.

la montagna mi conduceva all’essenziale” ecco forse una delle mie frasi preferite probabilmente perchè risuonano con il mio personale periodo di ricerca e crescita. Che dirvi prendetelo questo libro perché ne vale davvero la pena

me

benvenuto febbraio

il mese di febbraio inizia ad essere, per me un mese pieno d’amore… non per il fatto che c’è San Valentino ( mi conoscete poco se pensate ad una cosa del genere). Giovedì ho festeggiato il mio decimo anniversario di matrimonio, mannaggia come passa il tempo, se riguardo le foto mi fa quasi impressione; mia sorella aveva appena vent’anni e oggi è mamma della bellissima Emma. Alcune delle mie amiche più care sono nate a febbraio e anche la mia mamma quindi insomma questo mese sta riempiendosi di ricorrenze amorevoli.ferro In questi giorni sono nuovamente stanchissima, colpa del ciclo associato ad una nuova carenza di emoglobina e ferro… risultato si ricomincia con le amate compresse e si aspetta il prossimo controllo il tutto associato a vitamina C come non ci fosse un domani per assorbirlo meglio. Devo dire che mi sto seriamente sbizzarrendo nella manualità per riempire la piccola Emma di oggetti che le ricordino il tempo passato assieme. Girovagando su Pinterest si trovano un sacco di simpatiche idee da cui prendere spunto oppure da copiare ma rivisitare. Io cerco sempre di dare un tocco di personalizzazione ai progetti cui mi ispiro in modo da creare qualcosa di nuovo comunque. scarpineEcco quindi che sono nate le simpatiche scarpine… mi sono ispirata ad un progetto che però poi ho dovuto completamente rivedere …come mai direte voi? ma perché spesso i progetti per scarpine baby sono per Piedone L’Africano oppure non lo so ma per farli venire occorre lavorare il mohair… ma pazienza alla fine mi sono inventata uno schemino e le ho fatte… risultato non le saprei mai più rifare poiché, ovviamente, non ho preso un solo appunto…i miei complimenti un futuro da designer ahahha. Per il secondo progetto la storia è andata diversamente …ma contiene sempre un simpatico aneddoto… quando ho scelto come fare il fiocco nascita per Emcarillonma (lo so  non ve l’ho fatto vedere…) ho scelto un coniglietto amigurumi lavorato con una lana acrilica molto spessa il che ha generato un super coniglio… questa cosa era voluta poiché avevo intenzione di inserire nel corpo un carillon (di quelli che si tirano e suonano) morale della favola ho finito il lavoro e me lo sono scordata, anche perché potevo solo inserirlo nella testa date le dimensioni del carrilon ..e quindi nulla è il caso di dire cosa fatta capo ha. Ho quindi cerca un nuovo progetto in cui inserire l’oggetto e la scelta è caduta ancora su un esserino simile ad un coniglie e stavolta ce l’ho fatta … ovviamente sempre un tripudio di fucsia!!!

me · relax

buon anno

questo 2018 è stato un anno davvero intenso che saluto con piacere fuori dalla porta di casa accompagnata da Silvio, Otello e Birba (dire in ordine di grandezza).

alberello illuminato

a gennaio mi sono iscritta a un sacco di attività… alcune le ho terminate come la coperta per Giulia altre come il progetto Serendipity è ancora li nel cassetto, ho letto meno di quanto vorrei ma mi sono portata a casa 16 libri e una serie di manuali di Psicosintesi. Ho guardato una discreta quantità di serie TV con una certa voracità il che mi ha portato spesso a sognarle e devo dire è stato fichissimo. Ho partecipato a corsi di cucito grazie a Monica di Letricotpatchwork che ne inventa sempre una nuova e mi ha permesso di conoscere nuove persone meravigliose. Ho “imparato” a tingere la lana  grazie al corso organizzato dalla Merceria Pessiva a Rivoli , mitica e anche in questo caso nella mia vita sono entrati altri visi e altre storie. Ho rinnovato la casa saccheggiando Ikea, le ho dato nuovi colori nuova luce e anche un nuovo mobile per il bagno… Silvio santo subito che ha montato il tutto non senza risvegliare almeno 25 Santi del Paradiso. Ho scoperto di essere anemica e mi sono bombata di ferro per 4 mesi e ho avuto la conferma di essere una pessima paziente.  Ho regalato a mamma la bellissima coperta con i ricami e le casette natalizie e ho dato la tesi per diventare Facilitatore nella relazione d’aiuto un traguardo raggiunto che mi ha portato tantissima gioia. Ho scoperto nuove riviste (come se la mia dipendenza non fosse sufficiente) ad esempio Flow e Gallo zafferano che mia sorella e mia madre mi hanno regalato in abbonamento. E’ arrivato Sebastiano e a lui ho preparato una romantica copertina per avvolgerlo nei suoi riposini , i suoi sorrisi sono meravigliosi come lo sono quelli di Cecilia e Giuseppe. Ho festeggiato persone importanti come Monica di letricotpatchwork che ha il suo negozio da 25 anni e nel quali nascono meraviglie… e mi sono fatta una bellissima shopper gattosa grazie ai suoi insegnamenti. Ho partecipato a fiere creative macinando chilometri e attorniandomi di bellezza e di amore regalatomi gratuitamente dalle amiche speciali che accompagnano nella quotidianità, ho acquistato materiali che mi permetterebbero di lavorare fino  al 2031 senza dover fare acquisti. ho provato a farmi crescere le unghie… il miracolo è durato 20 gironi e le cattive abitudini sono tornate. Ho partecipato a una serie di progetti all’uncinetto organizzati da Laura Soria, sempre meno di quanto vorrei, che mi hanno portato in un mondo di colori bellissimi e ad una vacanza a giugno che mi ha riempito il cuore. Mi è esploso il pollice verde… margherite , rose e orchidee crescono rigogliose… mi stupisco di questa energia ma la accetto con grande gioia. Ho prodotto borse e portalavori come non ci fosse un domani o come avessi 30 paia di spalle alcune durante corsi altre a casa con mia sorella. A giugno ho partecipato al raduno di uncinetto a Bellaria organizzato da Laura Soria e anche in questa circostanza ho conosciuto nuove persone e nuove storie si sono legate alle mie. L’estate è una stagione che non amo tutto è fermo le persone sono via.. mi sono regalata un’estate in città con l’abbonamento allo zoosafari Zoom e alla sua piscina…e un bel giro sul Montebianco con la mia famiglia e ho fato un sacco di passeggiate con Silvio e Otello nonostante quest’anno Silvio abbia lavorato davvero tantissimo. Ho mangiato cene in posti meravigliosi con persone che amo e che mi amano e che non mi hanno mai abbandonato. ho iniziato a seguire Istagram e in questo contenitore ho conosciuto creative meravigliose che mi danno sempre grande ispirazione .. con loro mi sono lasciata circondare dalla bellezza. Ho iniziato percorsi per conoscermi ancora meglio e ho scelto di partecipare al gruppo di Psicosintesi Torino  con il quale abbiamo organizzato due serate  ma faremo molto altro il prossimo anno. Ho cambiato look e ho deciso di modificare anche l’armadio e l’atteggiamento verso gli abiti… vestiti che mi rappresentino e che siano artigianale saranno la mia nuova avventura consumistica…. voglio qualcosa che mi rappresenti e rappresenti anche i miei valori. Ho tentato vacanzine col marito mandate all’aria dal maltempo ma che mi hanno fatto tanto ridere. Ho partecipato a corsi in cui ho imparato a fare saponi, dentifricio e incensi sul mio territorio . Sono andata alla fiera di Vicenza (dopo sei anni che non ci andavo) e di nuovo mi sono immersa nella bellezza creativa e sono tornata piena di buoni propositi creativi. Ho creato contest in cui ho regalato oggetti hand made ..mai quanti vorrei ma il tempo è sempre tiranno. ho partecipato a corsi e incontri di knitcafè da Filosofia a Pinerolo con Antonella padrona di casa super competente e gentile. Ho cercato di tenere il blog aggiornato, ma specialmente gli ultimi due mesi non ci sono davvero riuscita, ho addirittura pensato di chiuderlo …ma non lo faccio perchè grazie a lui mi porto dentro i moneti più belli che vivo durante l’anno.

Alla faccia del pippone direte voi… chissà magari non siete neppure arrivati fino a qui… in questo anno bellissimo ringrazio la mia amica Gisella per essermi stata vicina e avermi accompagnata in tutte le avventure che ho descritto ma soprattutto in almeno 300 giorni di quest’anno mi ha tenuto compagnia durante il caffè mattutino anche se in almeno 100 giorni la mia conversazione era davvero davvero monotona…. grazie per esserci sempre anche nel messaggio del mattino, grazie per tutti gli abbracci i tuoi “ciao bimba” sono per me fondamentali. E poi quest’anno mi ha portato la bellissima notizia che diventerò zia …non mi dilungo troppo su questo argomento perchè piango facilmente ma sappiate che la copertina è già pronta e abbiamo materiale fino ai grembiulini della scuola materna (per tenermi stretta ahaah). La mia famiglia sta bene non è mai vicina quanto vorrei ma alla distanza fisica di certo non corrisponde quella emotiva. Amici e colleghi hanno contribuito a regalarmi un 2018 sicuramente intenso… dire ammazza neppure una sfiga o una rottura di palle? Hai voglia ma di quelle non mi voglio proprio curare, vado incontro a questo 2019 con la voglia di poter risplendere lasciando per strada quello che non me lo lascerà fare… e per risplendere non intendo di certo primeggiare…. no no quest’anno non ho obiettivi lavorativi.. per il primo anno direi non me ne curo molto. Insomma mani in pasta ce le voglio mettere perchè al 31 dicembre spero di raccontare una storia simile a questa.

Buon anno a tutti che sia pieno di salute e serenità, di abbracci e persone che vi vogliano bene e ve ne vogliano per quello che siete pacchetto completo …. ps ovviamente una to do list ce l’ho eh mica affronto l’anno senza idee di cose da fare ahahahah

crochet · libri · me · relax

Profumo di regali

Non guardo quasi mai le statistiche del blog . .. non lo scrivo certo per popolarità Oggi ci ho dato un’occhiata e ho potuto vedere che sono arrivata a 3600 visitatori… Ringrazio tutti quelli che passano a leggere le mie parole sorridendo o riflettendo con me. Ho quindi pensato di aprire un contest cioè un concorso a estrazione tra i miei lettori. Ho preparato un ciondolo a uncinetto che può anche trasformarsi in segnalibro… ho reso lo schema free a un blog trovato su pinterest sul sito craftpassion. Come fare ad averlo? Condividete l’immagine del contest sul vostro blog pagina FB oppure anche su Instagram e taggatemi nei commenti in modo che io metta il vostro nome nell’urna delle estrazioni… Ovviamente verrete contattati per l’indirizzo cui spedire.  Scadenza sabato sera alle 24 estrazioni domenica mattina