ferragosto

quest’anno niente abbuffate ci siamo regalati una giornata di fresco in montagna con Otello che in questo periodo sembra non stare benissimo, probabilmente per qualche squilibrio ormonale maschile… capisci’amme.

Io inizio ad accusare i colpi della stagione estiva… me ne sono stata buona cercando di non lamentarmi ma onestamente adesso sono veramente satolla. Tutta questa luce, queste giornate che sembrano non finire mai e che ti danno quella sensazione di “ah già devo fare ancora quella cosa…” per non parlare dell odiatissime zanzare che mi guardano come io guardo il tiramisù di mia madre…. vabbè smetto di lamentarmi ci mancherebbe ma non vedo l’ora che arrivi settembre con i nuovi corsi creativi le mie amiche da andare a trovare e i miei obiettivi da progettare … intanto sotto con l’ultima maglia estiva direi non vedo l’ora di indossarla

Annunci

è un periodo in cui sono attorniata da strambe energie, mi sento sommersa dalle cose che mi piacerebbe fare a voi capita mai? mi metterei li con carta e penna a programmare mille attività e non riesco a visualizzare quelle prioritari o quelle che potrebbero rendermi più felice.  insomma sto un po’ incasinata e come sempre mi cade dal cielo una frase provvidenziale di Epitteto … non stavo cercando nulla del genere ma girando delle pagine del calendario di Flow ho trovato questa…..

Il benessere non consiste nell'avere un grande possesso, ma nell'avere pochi desideri.

mica male questi antichi….. Da pochissimo, grazie alla condivisone su Istagram di alcune creative, ho conosciuto il magazine Flow ora risparmio apposta per regalarmelo ogni mese….

mercoledì ho incontrato il gruppo di Psicosintesi e sono venute a trovarci le due Lucie di Biella; oltre alla gioia di stare assieme e confrontarci sulle esperienze reciproche me ne sono tornata a casa con un super bottino oltre che emotivo anche pratico. lanaLucia mi ha portato un sacco di lana che sua madre ha trovato negli armadi e, non usandola ha deciso di regalarla a me…. Non sapete la gioia; non solo per la quantità e qualità del materiale (il che si traduce anche in un super risparmio per gli acquisti futuri) ma per l’emozione nel portarsi a casa qualcosa che senti profondamente tuo. Ricevere in dono del materiale creativo è sempre un balsamo per l’anima perché mentre lo tocchi lo sistemi , lo metti in ordine inizi a sognare cosa diventerà a chi potrai donare il progetto finire insomma ricevere del materiale creativo è benzina per i propri sogni e per la creatività. In un certo senso ricevere del materiale comprato da altri porta con sè anche l’energia creativa di quella persona e quindi il tutto acquista un potere quasi magico…. ecco un piccolo estratto della mole di materiale stipato nell’armadio…. ormai ho esaurito i posti in cui nasconderli al marito….

nuovi dettagli

un oggetto fatto a mano sta bene in casa, da personalità e originalità anche agli angoli più insipidi. Per fare quell’oggetto qualcuno ha investito il suo tempo, magari libero pensando alla persona per cui lo stava confezionando. Probabilmente nel scegliere il modello ha scartabellato miriadi di schemi in modo da aderire ai gusti del ricevente, oppure ha addirittura ideato il pattern per creare quell’oggetto. A me piacciono le cose fatte a mano che siano collane , scialli, maglie oggetti in legno o in ceramica amo queste cose perchè le scelgo assonanti con la mia personalità. bagno8_SH30_OU29_AC_US218_Amo la mia creatività perchè mi permette in un  sabato afoso mentre faccio le pulizie di crearmi un nuovo portasapone liquido e tutto ha un aspetto diverso. Ultimamente cerco di essere attenta anche negli acquisti delle materie prime, stoffe… lane ecc in modo da avere un prodotto finito che profumi delle storie delle persone che ne anno permesso l’esistenza. Lavorare a mano è un modo per dire al nostro cervello che è possibile concretizzare i nostri pensieri e in un certo senso i propri sogni. Anche oggi è stata una giornata veramente calda.. ieri non ho visto neppure una stella cadente …magari recupero questa notte. Oggi mi sono messa d’impegno a leggere un manuale sull’utilizzo del web per imparare a usarlo al meglio per raccontare i propri prodotti sto cercando di capire se è una strada che potrebbe servire a mio marito che fa l’apicultore.  Onestamente non vedo l’ora che finisca il periodo estivo , tutta questa luce e questo caldo iniziano a stressarmi anche se la cosa che amo di meno dell’estate sono le assenze, le chiusure dei negozi … e in unn certo senso la banalità del periodo….

in questi giorni sto leggendo parecchio anche se non solo libri ma soprattutto articoli di cui gran parte in inglese il che depone a sfavore della velocità considerato che la mia conoscenza anglofona fa veramente pena. 513L71XdPNL._SL218_PIsitb-sticker-arrow-dp,TopRight,12,-18_SH30_OU29_AC_US218_

Intanto ho finito questo libro che parla di come il malessere degli esseri umani risieda nell’incapacità di rimanere con la consapevolezza nell’adesso mentre spesso la mente vaga tra il risentimento verso il futuro e le aspettative nei confronti di un futuro che ancora non c’è.

Un libro che a primo acchito potrebbe avere uno strano sapre new age ma se letto con attenzione racchiude parecchie varietà.

Altresì l’altro giorno ho fato un giro al mercato con l’obiettivo di acquistare le lenzuola nuova perchè, non so  a voi, ma nei miei cassetti dopo un po’ si restringono soprattutto quelli da sotto e gli angoli non restano più agganciati.  Comunque mentre girovagavo sono stata catturata da questi seriosissimi pantaloni che dovevano essere miei!!!pantaloni

piccole maglie crescono

con questo caldo non è davvero semplice mettere mano agli hobby creativi … sabato il meteo giurava pioggia, fuori c’era un’umidità assurda…. voglia di lavorare saltami addosso ho deciso di proseguire con la maglia iniziata con il filato della Lain du Nord preso ad Avigliana (Summer Temptation). Il modello è della bravissima Valentina Cosciani si chiama Galop ed è un free se cliccate sul nome arriverete al modello. maglia wip

Mi piace davvero un sacco come sta venendo ma soprattutto non vedo l’ora di arrivare alla parte di traforato. Con il caldo di Sabato mi sono super goduta il mitico caffè freddo preso alla Nespresso .. la mitica limited edition …. e niente se metti il giaccio,

caffè freddo

il latte e sopra il caffè i due restano separati…miracoli della fisica. In questi giornate di caldo anche il caffè diventa nauseante se non è freddo.