cucina · me · relax

..dolci pensieri

in questo periodo la mia creatività è sostanzialmente dedicata alla maglia (progetti per me) e alla mia futura nipotina … ad ora non vi faccio vedere nulla ma se continuo così il fiocco sarà spaziale ahahaha. Intanto qui si cucina prendendo spunto dai profili istagram che più mi ispirano per simpatia e semplicità… ad esempio voi conoscete Breakfast&Coffe? io la adoro in primis perché mette sempre delle ricette bellissime e buonissimi; in seconda istanza perché fa delle fotografie al cibo che sono veramente spaziali è davvero bravissima in questo. Un po’ di tempo fa ho provato la sua ricetta del plumcake bianco e nero tramutandolo in muffin bianchi e neri …. ebbene ricetta semplice veloce super figurone con lgi ospiti: faccio spesso questa torta in monoporzioni tipo muffin perchè così li congelo e li scongelo quando ho voglia di una colazione super… averli li ogni mattina sarebbe una tentazione troppo forte non potrei davvero resistere e dato che il mio pannicolo adiposo non ha intenzione di scendere men che meno di abbandonarmi devo trovare delle strategie vincenti  ecco la ricetta muffin bicolor

3 uova intere
165 gr di zucchero
230 gr di farina 00
20 gr di cacao amaro in polvere
70 gr di olio di semi di mais
200 gr di yogurt bianco (potete sostituirlo con latte o acqua)
1 bustina di lievito per dolci

in forno a 180 gradi statico per 30 minuti (fate la prova dello stecchino)

La prossima ricetta che voglio provare sono le madleine rivisitate … ho pure gli stampi grazie alla mia amica Gisella… e voi avete dei foodblogger del cuore? Benedetta a parte ovviamente a cui vi ispirate per le ricette?  sotto con i consigli allora.

Annunci
libri

LIBRO 3/19

Eccomi qui .. il terzo libro l’ho scelto dalla libreria del mio Kindle in modo decisamente poco romantico: era corto e col titolo aulico. Non so voi come siete organizzati con il vostro e reader ma, mentre con i libri cartacei ho una vaga idea di quanta roba ho in scaffale, con il kindle sono una specie di pozzo senza fondo… vorrei riuscire a non fare acquisti compulsivi quest’anno e finire quello che ho ecco il motivo della scelta…. Insomma sono 179 pagine alla mia velocità di lettura il Kindle mi diceva ci avrei messo 3 ore e mezza … insomma tre giorni di treno con ritardo garantito… Come spesso accade prendo dei libri per un motivo e poi mi dimentico quale esso fosse … questo è uno di quei casi, probabilmente l’ho visto consigliato da qualche influencer letteraria o in qualche programma perché a libro finito mi sono chiesta perché diamine avevo in libreria questo libro?  l’altro motivo è la demenza giovanile ma spero proprio di no. distacco

Questo libro racconta la storia di una donna che vive l’adolescenza in un collegio a Trieste dove vive una profonda amicizia con una ragazza ,Emma , e un ragazzo David di cui si innamora in modo molto biblico. ad un certo punto ruba la chiave dei cancelli e di notte girovaga aldilà del confine verso le zone dei night e li incontra Nicolas … L’autrice racconta in modo davvero leggero sentimenti profondi e descrive in modo razionale e cristallino le fasi di distacco che si possono affrontare nella vita: il distacco dai genitori, dagli amici, da un amore …dalle proprie abitudini. Personaggi bene descritti in un c lima che a tratti mi sembrava irreale quasi troppo gentile. Direte: ma alla fine ti è piaciuto? Si mi è piaciuto anche se per me è un po’ lento rispetto ai libri che amo leggere ma veramente un libro che …. come dire lascia in bocca il sapore delle ciliegie sotto spirito…. a buon intenditor… Un libro che parla d’amore in un modo inusuale e in un contesto misto che attraversa diverse fasi evolutive dei protagonisti. I protagonisti fanno parte della Trieste benestante ecco il nocciolo del collegio in cui si svolge la prima parte dle libro… non voglio svelarvi altro se non un consiglio…. se avete voglia di un po’ di dolcezza leggetelo.

creatività · knitting · me · relax

due piccioni con una fava

capita anche a voi di avere un sacco di cose da fare e di non riuscire ad incastrare nulla? eh già abbiamo spesso cose da fare tralasciate persone da incontrare lontane e hobby che vogliamo mantenere…. oggi ho fatto filotto. Dopo una serata passata con amici a mangiare pizza e chiacchierare di api mi sono diretta Torino… treno; un po’ di lettura arrivata stranamente in stazione in orario ho incontrato mia madre e siamo andate da mia sorella così le ho consegnato il fiocco da combattimento … super colazione in tre un po’ di chiacchiere e poi via verso porta Susa a incontrare Gisella per un bel pranzo assieme da Eatily.italy Di solito non vado a mangiare lì ma dato che siamo arrivate alle 12 al meglio delle tradizioni sabaude ci siamo bellamente accomodate a ci siamo scofanate un piatto di spaghetti. Quattro passi in giro per la città, un paio di acquisti e poi dritte verso il nostro obiettivi il corso di maglia per lavorare con due colori di Alice Twain presso il negozio di Woolcrossing. Non ero mai stata in quel negozio e devo dire mi è molto piaciuto. Un bellissimo corso dove ho imparato davvero tantissimo. Insomma un sabato meraviglioso dove ho unito persone a cui voglio bene e i miei  hobby che c’è di meglio….e ora buona domenica  monia e gis woolcrossing

libri

LIBRO 2/19

Il programma lettura marcia bene anzi benissimo… Questo libro l’ho divorato per alcune validissime ragioni :

  • Adoro Carrisi
  • Ho letto il suggeritore e mi era piaciuto
  • Adoro questo genere di gialli polizieschi con il bene che trionfa sempre sul male …il mio senso morale ne esce sempre edificato.

Ovviamente il libro non delude anche se è un po’ più moscio del predecessore. sempre scritto benissimo in modo decisamente accattivante personaggi e ambienti ben descritto senza però diventare noioso. Non potete non leggerlo se vi piace il genere e vedrete che le 400 pagine scivolerà no veloci tra le dita … Grazie a lui non ho dormito neppure un giorno in treno. insomma un bel regalo da fare o da richiedere.


La poliziotta che non possiede empatia e si occupa di scomparsi viene suo malgrado coinvolta in un indagine in cui il mondo virtuale contamina violentemente quello reale e i due mondi si mescolano continuamente… Non spoilero nulla vi tocca leggerlo.

me · relax

e ogni festa porta via….

Come chi..ma la Befana ovviamente no? Da domani si torna al solito tram tram: treno pieno di studenti, genitori più tranquilli perché non hanno il problema di collocare i bambini traffico a manetta per strada e conseguente iper attenzione ad attraversare la strada in città onde evitare di essere asfaltati come birilli… ovviamente su striscia. Sono qui nel lettone … lo so non sono neppure le 20 ma Silvio non c’è e vi farei vedere come sono combinata con i pelosi…praticamente me ne manca solo uno in testa .. ovviamente Birba si dedica al trattamento agopuntura, fortunatamente gratuito, beninteso è stravaccata a peso morto sul mio braccio destro roba da causarmi parestesie fino a domani… tant’è che meraviglia sono gli animali in casa? Marito escluso. Oggi ho pranzato da mamma …effetto tacchino ripieno quindi a cena solo tisana ai frutti di bosco. pensavo alle mie feste, quest’anno le ho davvero dedicate alle persone che amo , ho passato tempo in famiglia , con mia sorella a casa immersa nei miei hobby e anche nei miei pensieri e anche in un bel po’ di serie TV (lo so dovrei disintossicarmi ma non ce la facciooo.epifania

E voi come le avete passate? a spacchettare regali e immersi in innumerevoli banchetti? ve lo auguro, il Natale non può certo essere dietetico sarebbe un’aberrazione. Domani si torna alla normalità , la cosa che mi mancherà di più saranno sicuramente le luci per le città …. le trovo così belle tendono a ricordarci che anche noi siamo luce e che dobbiamo ricordarci di brillare … ecco il mio unico proposito per il 2019

E allora buona settimana a tutti spero di mantenere una costante presenza.

libri · Senza categoria

LIBRO 1/19

leggere dev’essere sicuramente un piacere ma anche un dovere…. dovere nei nostri confronti e nei confronti della nostra capacità di dialogo e comprensione in questi tempi così complessi. Ho preso questo libro un po’ per curiosità… di solito non leggo i libri premiati … anzi spesso li ignoro proprio, giusto per non trovarmi nella strana situazione in cui mi chiedo embè dove sta tutta questa meraviglia? Le otto montagne ha vinto il premio strega , che sia un bel libro non devo certo dirlo io. Ho scelto questo libro per iniziare il 2019 perché insomma io provengo da una famiglia di montagna, mio padre adora camminarci, ho dei cugini che fanno addirittura corsa in montagna a livello agonistico mia madre e mia sorella amano i paesaggi montani, mio marito andrebbe a camminare ogni domenica con Otello.otto montagne Io invece no… che vi devo dire i primi ricordi di camminate con mio padre sono sempre una roba del tipo …non sono all’altezza, non sopporto lo sforzo fisico che si deve accettare per affrontare la salita…. C’è poco da fare non sono mai abbastanza allenata ma soprattutto non riesco a controllore la velocità di salita né la respirazione insomma è davvero un elemento che non domino ne sento comunque forte il fascino. La storia di Pietro e Aldo , quella dei genitori e delle famiglie… degli ambienti raccontati a mo di documentario mi hanno davvero colpito e in tre giorni ho finito il libro. Leggere la storia di Pietro e del padre… sentire vicino il racconto della madre mi ha tenuto legata alle pagine fino all’una di notte. Un libro scritto in modo semplice, liscio mi vien da dire come le persone di montagna … essenziali. Un libro che consiglio assolutamente….. e il racconto delle otto montagne mi ha veramente affascinato. Quest’anno, l’ho detto, voglio leggere di più ho un bel piano letterario vediamo di riuscire a rispettarlo.

me · relax

buon anno

questo 2018 è stato un anno davvero intenso che saluto con piacere fuori dalla porta di casa accompagnata da Silvio, Otello e Birba (dire in ordine di grandezza).

alberello illuminato

a gennaio mi sono iscritta a un sacco di attività… alcune le ho terminate come la coperta per Giulia altre come il progetto Serendipity è ancora li nel cassetto, ho letto meno di quanto vorrei ma mi sono portata a casa 16 libri e una serie di manuali di Psicosintesi. Ho guardato una discreta quantità di serie TV con una certa voracità il che mi ha portato spesso a sognarle e devo dire è stato fichissimo. Ho partecipato a corsi di cucito grazie a Monica di Letricotpatchwork che ne inventa sempre una nuova e mi ha permesso di conoscere nuove persone meravigliose. Ho “imparato” a tingere la lana  grazie al corso organizzato dalla Merceria Pessiva a Rivoli , mitica e anche in questo caso nella mia vita sono entrati altri visi e altre storie. Ho rinnovato la casa saccheggiando Ikea, le ho dato nuovi colori nuova luce e anche un nuovo mobile per il bagno… Silvio santo subito che ha montato il tutto non senza risvegliare almeno 25 Santi del Paradiso. Ho scoperto di essere anemica e mi sono bombata di ferro per 4 mesi e ho avuto la conferma di essere una pessima paziente.  Ho regalato a mamma la bellissima coperta con i ricami e le casette natalizie e ho dato la tesi per diventare Facilitatore nella relazione d’aiuto un traguardo raggiunto che mi ha portato tantissima gioia. Ho scoperto nuove riviste (come se la mia dipendenza non fosse sufficiente) ad esempio Flow e Gallo zafferano che mia sorella e mia madre mi hanno regalato in abbonamento. E’ arrivato Sebastiano e a lui ho preparato una romantica copertina per avvolgerlo nei suoi riposini , i suoi sorrisi sono meravigliosi come lo sono quelli di Cecilia e Giuseppe. Ho festeggiato persone importanti come Monica di letricotpatchwork che ha il suo negozio da 25 anni e nel quali nascono meraviglie… e mi sono fatta una bellissima shopper gattosa grazie ai suoi insegnamenti. Ho partecipato a fiere creative macinando chilometri e attorniandomi di bellezza e di amore regalatomi gratuitamente dalle amiche speciali che accompagnano nella quotidianità, ho acquistato materiali che mi permetterebbero di lavorare fino  al 2031 senza dover fare acquisti. ho provato a farmi crescere le unghie… il miracolo è durato 20 gironi e le cattive abitudini sono tornate. Ho partecipato a una serie di progetti all’uncinetto organizzati da Laura Soria, sempre meno di quanto vorrei, che mi hanno portato in un mondo di colori bellissimi e ad una vacanza a giugno che mi ha riempito il cuore. Mi è esploso il pollice verde… margherite , rose e orchidee crescono rigogliose… mi stupisco di questa energia ma la accetto con grande gioia. Ho prodotto borse e portalavori come non ci fosse un domani o come avessi 30 paia di spalle alcune durante corsi altre a casa con mia sorella. A giugno ho partecipato al raduno di uncinetto a Bellaria organizzato da Laura Soria e anche in questa circostanza ho conosciuto nuove persone e nuove storie si sono legate alle mie. L’estate è una stagione che non amo tutto è fermo le persone sono via.. mi sono regalata un’estate in città con l’abbonamento allo zoosafari Zoom e alla sua piscina…e un bel giro sul Montebianco con la mia famiglia e ho fato un sacco di passeggiate con Silvio e Otello nonostante quest’anno Silvio abbia lavorato davvero tantissimo. Ho mangiato cene in posti meravigliosi con persone che amo e che mi amano e che non mi hanno mai abbandonato. ho iniziato a seguire Istagram e in questo contenitore ho conosciuto creative meravigliose che mi danno sempre grande ispirazione .. con loro mi sono lasciata circondare dalla bellezza. Ho iniziato percorsi per conoscermi ancora meglio e ho scelto di partecipare al gruppo di Psicosintesi Torino  con il quale abbiamo organizzato due serate  ma faremo molto altro il prossimo anno. Ho cambiato look e ho deciso di modificare anche l’armadio e l’atteggiamento verso gli abiti… vestiti che mi rappresentino e che siano artigianale saranno la mia nuova avventura consumistica…. voglio qualcosa che mi rappresenti e rappresenti anche i miei valori. Ho tentato vacanzine col marito mandate all’aria dal maltempo ma che mi hanno fatto tanto ridere. Ho partecipato a corsi in cui ho imparato a fare saponi, dentifricio e incensi sul mio territorio . Sono andata alla fiera di Vicenza (dopo sei anni che non ci andavo) e di nuovo mi sono immersa nella bellezza creativa e sono tornata piena di buoni propositi creativi. Ho creato contest in cui ho regalato oggetti hand made ..mai quanti vorrei ma il tempo è sempre tiranno. ho partecipato a corsi e incontri di knitcafè da Filosofia a Pinerolo con Antonella padrona di casa super competente e gentile. Ho cercato di tenere il blog aggiornato, ma specialmente gli ultimi due mesi non ci sono davvero riuscita, ho addirittura pensato di chiuderlo …ma non lo faccio perchè grazie a lui mi porto dentro i moneti più belli che vivo durante l’anno.

Alla faccia del pippone direte voi… chissà magari non siete neppure arrivati fino a qui… in questo anno bellissimo ringrazio la mia amica Gisella per essermi stata vicina e avermi accompagnata in tutte le avventure che ho descritto ma soprattutto in almeno 300 giorni di quest’anno mi ha tenuto compagnia durante il caffè mattutino anche se in almeno 100 giorni la mia conversazione era davvero davvero monotona…. grazie per esserci sempre anche nel messaggio del mattino, grazie per tutti gli abbracci i tuoi “ciao bimba” sono per me fondamentali. E poi quest’anno mi ha portato la bellissima notizia che diventerò zia …non mi dilungo troppo su questo argomento perchè piango facilmente ma sappiate che la copertina è già pronta e abbiamo materiale fino ai grembiulini della scuola materna (per tenermi stretta ahaah). La mia famiglia sta bene non è mai vicina quanto vorrei ma alla distanza fisica di certo non corrisponde quella emotiva. Amici e colleghi hanno contribuito a regalarmi un 2018 sicuramente intenso… dire ammazza neppure una sfiga o una rottura di palle? Hai voglia ma di quelle non mi voglio proprio curare, vado incontro a questo 2019 con la voglia di poter risplendere lasciando per strada quello che non me lo lascerà fare… e per risplendere non intendo di certo primeggiare…. no no quest’anno non ho obiettivi lavorativi.. per il primo anno direi non me ne curo molto. Insomma mani in pasta ce le voglio mettere perchè al 31 dicembre spero di raccontare una storia simile a questa.

Buon anno a tutti che sia pieno di salute e serenità, di abbracci e persone che vi vogliano bene e ve ne vogliano per quello che siete pacchetto completo …. ps ovviamente una to do list ce l’ho eh mica affronto l’anno senza idee di cose da fare ahahahah

me · relax

quattro passi al Balon

per chi non conosce Torino il Balon è un mercato dell’antiquariato tipico della città che si svolge nella zona di Porta Palazzo e ci si può liberamente bazzicare 1 sabato al mese. Complice l’atmosfera natalizia e le ultime cose da prendere ho accettato volentieri l’invito della mia amica Gisella e ho coinvolto mia sorella che adora questo posto. Quale risultato si può ottenere mettendo assieme persone che amo tantissimo a fare cose che adoro? Ma ovviamente un sabato fotonicoooo !!!!gita a torino

Abbiamo pranzato in un caffè davvero carino in via Milano dove abbiamo mangiato benissimo e pagato pochissimo … io non so come sia la vostra di vita ma io sto bene con parecchie persone ma solo con alcune davvero vado in brodo di giuggiole… riuscire ad unirle in un colpo solo mi fa sempre rimanere meravigliata dall’amore che ricevo e non so bene se me lo merito. Stasera mi sono rintanata sul divano con serie tv da finire e la tappa della renna amigurumi da mettere in pari.. obiettivo raggiunto:

  • sono in pari con la serie tv Nero a metà…. alla fine non mi dispiace
  • ho guardato la ragazze del treno e non mi è per niente piaciuto
  • tappa renna terminata …..ma la foto ve la metto domani così vi racconto per bene anche il progetto.

ora vado a leggere un po’ a letto altrimenti la biografia di Frida non riuscirò mai a finirla prima del 31 dicembre.

Ah ovviamente nel caso in cui vi chiedeste cosa ho comprato…. lana ovviamente…. non ne posso uscire in modo dignitoso da questa dipendenza ahahahah

libri · relax

ultimo libro dell’anno …

credo proprio di si … ho appena iniziato una biografia di 450 pagine ritengo improbabile riuscire a finirlo primo del 31… non tanto per il tempo quanto per il mio amorevole rapporto con le biografie… solitamente soporifere.

Non ho avuto ancora il coraggio di fare un punto situazione libri 2018 anche se a naso non sono molto soddisfatta delle mie prestazioni, è pur vero che come sempre non ho inserito i manuali di studio… speravo comunque di fare di più ma pazienza andrà meglio il 2019 ne sono convinta. pennac

Intanto ho finito questo libro di Pennac, tornato alla sua famiglia Malussen ad aggiungere un tassello alla saga che non credo proprio sia terminata…. che bello rituffarsi nella storia della famiglia  … mi è tornata la voglia di rileggerli tutti perché alcune sfumature me le sono dimenticate. Che bello tornare nel suo linguaggio le sue immagini sono meravigliose .. quei personaggi davvero geniali e il suo stile veramente un porto sicuro cui tornare. Il libro racconta  delle avventure dell’ultima generazione dei Malussene improbabile capirne il senso senza aver letto i precedenti mi ha molto divertito ovviamente consigliato come al solito ma non sono certo io a dovervelo dire

libri · me · relax

Libri finiti

Questo libro mi ha tenuto compagnia in questa settimana. Un libro dolce e gentile anche simpatico che parla di famiglia, amore e anche un po’ di amore per se stessi e ricerca della felicità. La protagonista lavoratrice precaria sopravvive al suo piccolo mondo inseguendo un sogno.

Di Alessia Gazzola ho sempre letto libri da cui hanno tratto la fiction L’allieva e devo dire che il suo modo di scrivere mi mette a mio agio è un po’ come farsi un bel viaggio nella leggerezza insomma e mentre si va al lavoro non ne abbiamo mai abbastanza. Libro breve assolutamente consigliato da inframmezzate a qualche tomo. Sempre grazie al mio mitico Kindle che ormai ha sei anni ma mi da sempre grandi soddisfazioni.