nuovi inizi

Per me settembre è da sempre il vero inizio nuovo anno … che vi devo dire sarà la sindrome dello studente! insomma con il nuovo mese ho iniziato a aderire a nuovi corsi, ad esempio i meravigliosi corsi di cucito tenuti da Letricotpatchwork (che poi si chiama Monica). Io adoro i suoi corsi perchè il negozio stesso è fonte di un’ispirazione continua. Lei spiega benissimo, senza troppi salamelecchi ma stai pur certo che esci con il progetto che dovevi fare; la compagnia è sempre meravigliosa e l’oggetto creato fa sempre morire d’invidia le amiche creative. Il primo progetto di quest’anno è questo bellissimo porta biscotti che io ho fatto con lo scopo di metterci dentro il materiale per la maglia, sono sempre alla ricerca di porta lavoro per i ferri circolari e questo è davvero super.  Devo ancora finire la coperta che avevo iniziato a maggio e ho li da mettere assieme il progetto mistery di Laura Mori… ci ho perso un po la passione creo infatti di assemblarlo così com’è lasciando magari i blocchi vuoti… in questa settimana penserò pure a questo progetto … devo assolutamente finire un po’ di roba per dare spazio ai regalini di natale non vi pare?portabiscotti

Annunci

COLORIAMO LE GIORNATE…

a volte ci troviamo immersi in giornate grige con umori pessimi perchè siamo impegnati a guardarci l’ombelico. Se alzassimo lo sguardo potremmo trovare un amico con cui andare al mercato, prendere un caffè, scambiarsi consigli oppure semplicemente stare assieme. Io ho un sacco di persone che mi vogliono bene, è un dono cui non penso spesso e per il quale non ringrazio abbastanza , anche io spesso vittima dell’adorazione ombelicale… nel mio caso è proprio un problema trovarlo per cui potrei pure essere giustificato o comunque avere un premo come giovane archeologo…

La scorsa settimana mi sono trovata con Gisella per dare nuova vita ad un sacco di lana che mi ha regalato Lucia e così ho ricevuto in dono una domenica piena di gioia senza fare nulla se non stare con altri.  Ricordiamocelo ogni tanto che per non essere soli occorre per prima cosa altare lo sguardo per incontrare gli occhi di qualcun altro.  Oggi inizio le ferie voglio aggiornare il blog e dedicarmi a un sacco di cose tra cui tinteggiare cucina e scale…. vediamo cosa ne uscirà

ovviamente grazie a Filly per aver organizzato il corso di tintura della lana presso la Merceria Pessiva di Rivoli e ai prezioni insegnamenti di Elbert altrimenti col cavolo che riuscivamo nella produzione.

Ps io devo ancora fare i gomitoli… altro che meditazione zen questa si che sarà un’esperienza di profonda introspezione

acquisti creativi

ultimamente sto scoprendo un sacco di bravissime creative che oltre a produrre oggetti meravigliosi cercano di creare un tessuto sociale, relazionale e di crescita che si allinea molto con il mio attuale spirito esistenziale. Chi mi conosce lo sa adoro avere degli oggetti originali e che rispecchino la mia personalità ultimamente cerco quello che mi serve anche nel mondo delle graphic designers e delle illustratrici … insomma ho conosciuto artiste davvero brave e mi sono ripromessa di fare acquisti più mirati e consapevoli anche per conoscere meglio queste realtà. Ecco che quindi ho deciso di acquistare una spilla da Lepetitpoisrose nonchè  Clara Battello.regali Ho scelto la spillina con la cacchina rosa questo perchè avevo davvero voglia di avere sotto gli occhi un oggettino che una volta guardato mi riportasse al sorriso al lavoro, questo piccolo oggetto mi ha folgorata e devo dire che è appuntato orgogliosamente alla mia divisa. Ho in wish list anche una delle sue bellissime tazze. Come vedete dalla foto ci sono molti più oggetti di quanto ordinato, questo perchè lei è stata dolcissima e mi ha super coccolato, questo è anche il vantaggio di acquistare da artigiani invece che da multinazionali la cura del cliente è decisamente un altra cosa. Vi invito a scoprire questa bravissima artista e blogger che ha in cmune con me oltre all’amore per il rosa anche quello per i gatti.

mercoledì ho incontrato il gruppo di Psicosintesi e sono venute a trovarci le due Lucie di Biella; oltre alla gioia di stare assieme e confrontarci sulle esperienze reciproche me ne sono tornata a casa con un super bottino oltre che emotivo anche pratico. lanaLucia mi ha portato un sacco di lana che sua madre ha trovato negli armadi e, non usandola ha deciso di regalarla a me…. Non sapete la gioia; non solo per la quantità e qualità del materiale (il che si traduce anche in un super risparmio per gli acquisti futuri) ma per l’emozione nel portarsi a casa qualcosa che senti profondamente tuo. Ricevere in dono del materiale creativo è sempre un balsamo per l’anima perché mentre lo tocchi lo sistemi , lo metti in ordine inizi a sognare cosa diventerà a chi potrai donare il progetto finire insomma ricevere del materiale creativo è benzina per i propri sogni e per la creatività. In un certo senso ricevere del materiale comprato da altri porta con sè anche l’energia creativa di quella persona e quindi il tutto acquista un potere quasi magico…. ecco un piccolo estratto della mole di materiale stipato nell’armadio…. ormai ho esaurito i posti in cui nasconderli al marito….

in questi giorni sto leggendo parecchio anche se non solo libri ma soprattutto articoli di cui gran parte in inglese il che depone a sfavore della velocità considerato che la mia conoscenza anglofona fa veramente pena. 513L71XdPNL._SL218_PIsitb-sticker-arrow-dp,TopRight,12,-18_SH30_OU29_AC_US218_

Intanto ho finito questo libro che parla di come il malessere degli esseri umani risieda nell’incapacità di rimanere con la consapevolezza nell’adesso mentre spesso la mente vaga tra il risentimento verso il futuro e le aspettative nei confronti di un futuro che ancora non c’è.

Un libro che a primo acchito potrebbe avere uno strano sapre new age ma se letto con attenzione racchiude parecchie varietà.

Altresì l’altro giorno ho fato un giro al mercato con l’obiettivo di acquistare le lenzuola nuova perchè, non so  a voi, ma nei miei cassetti dopo un po’ si restringono soprattutto quelli da sotto e gli angoli non restano più agganciati.  Comunque mentre girovagavo sono stata catturata da questi seriosissimi pantaloni che dovevano essere miei!!!pantaloni

un giorno in giro per la città

lavoro a Torino ormai da 15 anni città di cui quando ero adolescente avevo discreto terrore… da quel terrore dipese la scelta di fare l’università in infermieristica perchè c’era anche a Cuneo e poi sono comunque finita qui… tanto valeva…

Questo non centra nulla con quello che volevo dire… cioè raccontarvi che mercoledì mi sono presa una delle mie giornate a bighellonare per Torino. é una cosa che amo fare da tantissimi anni ed amo trovare nuovi locali in cui mangiare o dove acquistare alcuni piccoli oggetti che amo tipo materiale di cancelleria.quaderni legami

Mercoledì ho scoperto che in via Garibaldi hanno aperto un negozio Legami dove ho preso due bellissimi quadernetti di cui uno è andato a un amico davvero speciale. Io amo quei piccoli quaderni, me li porto sempre dietro per scrivere pensieri oppure suggestioni che trovo girovagare su internet.

Un’altra cosa che amo è andare in locali di cui ho letto su riviste oppure su profili istagram o FB per rendermi conto dell’esistenza di alcune piccole perle… è il caso della Torteria Berlicabarbis che ha aperto un nuovo locale in Via Po … che dire…. dovete davvero andarci perché  è un’esperienza meravigliosi per il palato ma anche per gli occhi.

L’atmosfera è meravigliosa e ci sono un sacco di suggerimenti per fare dei regali tra cui una parete intera di mug e vassoi per colazioni… e poi ci sono un sacco di cose buone marmellate e the speciali e ovviamente le torte sono la fine del mondo. vi consiglio di seguire il loro profilo istagram è una vera poesia per gli occhi.

le bevande calde

certo penserete: ma sta babbiona mo che parte l’estate invece di parlare di bevande dissetanti ci parla di bevande calde? ma pensa te abbiam voglia di moito e lei parla del vin brulè… In verità non centrano nulla questi discorsi ; ma latro

tazze grengategiorno ho letto una di quelle informazioni flash che parlavano di come le bevande calde  fossero associate dal nostro cervello ai pensieri positivi... cioè io mi sparo una bella tisana allo zenzero e il mio cervello pensa che lo sto coccolando e allora… e allora vai di tazzamania… cioè se accontento il mio cervello gli do una bella botta anche con delle belle suggestioni visive a tal proposito metto il link ad alcune tazze che adoro che sono le tazze Gregate chissà magari un amico passa di qua e non sa che comprare per il mio compleanno e tac vai di wish list,…. o forse è troppo presto … Gisella intanto tu segna