buona settimana

la settimana passata è stata pienissima anche di eventi diciamo di cronaca è crollato  il ponte a Genova ed è morta Aretfa Franlin. Le due cose non hanno di certo attinenza ma entrambe mi hanno fatto pensare. Spesso ci dimentichiamo dell’importanza di essere consapevoli di quanto la vita sia importante. Ho ben presente che la vita di tutti è un gran cubo di Rubric in cui trovare la combinazione sembra una missione impossibile che neppure Tom Cruise potrebbe nulla…. ma spesso durante la giornata perdiamo di vista le piccole cose di cui gioire e per le quali essere grati … sciagure come quella di Genova ci riportano drammaticamente  a contatto con sentimenti di dolore, tristezza e sconforto. Il mio augurio di questa settimana è di vivere una vita che abbia sapore, in un periodo di diete di consigli iposodici… vi auguro una vita ipersodica che trovi soddisfazione anche nei momenti più difficili come credo sia stata quella della cantante spenta.. una vita  piena di soddisfazione e di amore per quello che faceva 39441263_10217296849044056_8429493262569439232_n

Annunci

ferragosto

quest’anno niente abbuffate ci siamo regalati una giornata di fresco in montagna con Otello che in questo periodo sembra non stare benissimo, probabilmente per qualche squilibrio ormonale maschile… capisci’amme.

Io inizio ad accusare i colpi della stagione estiva… me ne sono stata buona cercando di non lamentarmi ma onestamente adesso sono veramente satolla. Tutta questa luce, queste giornate che sembrano non finire mai e che ti danno quella sensazione di “ah già devo fare ancora quella cosa…” per non parlare dell odiatissime zanzare che mi guardano come io guardo il tiramisù di mia madre…. vabbè smetto di lamentarmi ci mancherebbe ma non vedo l’ora che arrivi settembre con i nuovi corsi creativi le mie amiche da andare a trovare e i miei obiettivi da progettare … intanto sotto con l’ultima maglia estiva direi non vedo l’ora di indossarla

nuovi dettagli

un oggetto fatto a mano sta bene in casa, da personalità e originalità anche agli angoli più insipidi. Per fare quell’oggetto qualcuno ha investito il suo tempo, magari libero pensando alla persona per cui lo stava confezionando. Probabilmente nel scegliere il modello ha scartabellato miriadi di schemi in modo da aderire ai gusti del ricevente, oppure ha addirittura ideato il pattern per creare quell’oggetto. A me piacciono le cose fatte a mano che siano collane , scialli, maglie oggetti in legno o in ceramica amo queste cose perchè le scelgo assonanti con la mia personalità. bagno8_SH30_OU29_AC_US218_Amo la mia creatività perchè mi permette in un  sabato afoso mentre faccio le pulizie di crearmi un nuovo portasapone liquido e tutto ha un aspetto diverso. Ultimamente cerco di essere attenta anche negli acquisti delle materie prime, stoffe… lane ecc in modo da avere un prodotto finito che profumi delle storie delle persone che ne anno permesso l’esistenza. Lavorare a mano è un modo per dire al nostro cervello che è possibile concretizzare i nostri pensieri e in un certo senso i propri sogni. Anche oggi è stata una giornata veramente calda.. ieri non ho visto neppure una stella cadente …magari recupero questa notte. Oggi mi sono messa d’impegno a leggere un manuale sull’utilizzo del web per imparare a usarlo al meglio per raccontare i propri prodotti sto cercando di capire se è una strada che potrebbe servire a mio marito che fa l’apicultore.  Onestamente non vedo l’ora che finisca il periodo estivo , tutta questa luce e questo caldo iniziano a stressarmi anche se la cosa che amo di meno dell’estate sono le assenze, le chiusure dei negozi … e in unn certo senso la banalità del periodo….

piccole maglie crescono

con questo caldo non è davvero semplice mettere mano agli hobby creativi … sabato il meteo giurava pioggia, fuori c’era un’umidità assurda…. voglia di lavorare saltami addosso ho deciso di proseguire con la maglia iniziata con il filato della Lain du Nord preso ad Avigliana (Summer Temptation). Il modello è della bravissima Valentina Cosciani si chiama Galop ed è un free se cliccate sul nome arriverete al modello. maglia wip

Mi piace davvero un sacco come sta venendo ma soprattutto non vedo l’ora di arrivare alla parte di traforato. Con il caldo di Sabato mi sono super goduta il mitico caffè freddo preso alla Nespresso .. la mitica limited edition …. e niente se metti il giaccio,

caffè freddo

il latte e sopra il caffè i due restano separati…miracoli della fisica. In questi giornate di caldo anche il caffè diventa nauseante se non è freddo.

 

Piccoli esploratori

Arrivo a casa distrutta dalla caldazza torinese…. godo come un riccio di questo venticello preludio forse di un temporale … ma ormai sono a casa chissene. Mi svacco… cioè distendo le mie adipose membra sulla poltrona del balcone e ammiro il mio giardino…. talmente verde che tra un po’ esce Moogli a saltarmi

 

dalle frasche -dicesi urge resecare le fronde- e niente vedo lei tenera timida gatta che li mortacci sua fa le.scalate sul telo del gazebo… eh niente ridente felino che te possino nonostante lo.smisurato.amore che ho per te, per altro ormai geriatrico felino sappi che le spese ortopediche o osteopatiche saranno addebitate sul tuo conto

volare in alto….

in questi giorni di tipico caldo estivo ho deciso di passare una giornata al fresco in montagna…. veramente andare sullo Skyline  del Monte Bianco era un desiderio dei miei genitori quindi ho unito le due necessità e siamo andati tutti e quattro a Courmayeur.

Lo spettacolo di quel panorama ripaga appieno la spesa del biglietto anche se devo dire che io preferisco comunque gli ambienti marini …. che vi devo dire sono nata in montagna ma proprio non è che la amo alla follia. Certo mi affascina la maestosità di quei maestosi e antichi paesaggi ma il mio cuore batte per le distese acquose fossero anche laghetti montani. Alla fine noi abbiamo deciso di mangiare i panini che ci eravamo portati.. d’altronde una cornice così quando ci ricapita?

cene in quota

mio marito non ha mai troppa voglia di uscire a cena fatto salvo le volte che progettino cene in montagna …. questa volta merito suo ha scovato un posticino stupendo sia per quanto riguarda il panorama sia per quanto riguarda la qualità del cibo e del servizio. Il locale si chiama Edelweiss ed è davvero molto bello, siamo stati benissimo ed ha pure soddisfatto  il palato di mio padre che si sa è sempre estremamente esigente…. Insomma se amate la montagna e i pasti dionisiaci è il posto per voi!!!