VUOTI

Questo mese di ottobre è iniziato alla grande… ho deciso di portare dei cambiamenti nella mia vita e per farlo ho deciso di creare spazio e accettare che alcune cose in me sono cambiate. Adesso sono 10 anni che vivo in questa casa e molte cose le sento distanti e assolutamente non rappresentative. Le pareti gialle e arancioni mi hanno stancata e in quei colori non sentivo più l’energia che mi ha portato a sceglierli. Ecco quindi il secondo punto … cambiare l’armadio. Ultimamente mi vestivo più sciapa del solito e soprattutto senza rifletterci del tipo ” e vabbè tanto ho la divisa” … ecco questo è un atteggiamento che non aiuta …non tanto per i pipponi dell’autostima ma proprio per stare bene. Pensarci belle attente e curate genera quell’energia che ci trasforma in donne affascinanti anche se non somigliamo ad Angelina Jolie.. e per fortuna dico perché altrimenti ci sarebbero orde di uomini solo per poche donne così e noi saremmo a bocca asciutta a piangerci addosso. Non fraintendetemi gli uomini non centrano nulla in questo cambiamento centra il fatto che ho bisogno di crescere e per far entrare cose nuove nella vita è assolutamente necessario svuotarla di qualcosa. UN po’ come per la memoria … piano piano le nuove informazioni sostituiscono quelle delle elementari e delle media… che dire chi se li ricorda ancora a memoria gli affluenti del Po?tinteggiatura

Ho quindi deciso di cambiare il colore delle pareti sostituendo la palette colori esistente con una palette che varia dal celeste al grigio… e poi per dare un tocco di personalità ci ho messo dei simpatici glitter… chi mi conosce lo sa io e i glitter siamo una cosa sola.

e per fare questo abbiamo scelto una palette colori ispirandomi al blog di Le petit rabbit: adoro il suo stile e i colori li abbiamo presi da Self … e via in una settimana abbiamo quasi rischiato il divorzio ma abbiamo le nuove pareti ed un nuovo ambiente decisamente luminoso e vitale.

Per quanto riguarda l’armadio ho fatto la più grande azione di decluttering della storia di casa mia, il tutto si è zippato in un’anta dell’armadio e mi sono fiondata da Mathilda J. a Pinerolo dove tra ordinatissime relle ho risistemato la parte vuota del mio armadio scegliendo colori che davvero rappresentano il mio modo di essere attuale. E niente ora mi trovo un armadio grigio giallo e viola … lo apro e bam felicità

Annunci

VIAGGIARE SOTTO CASA

Quest’anno per noi non è l’anno delle vacanze perchè entrambi siamo presi da progetti sogni ed altre simpatiche amenità.Ragion per cui non abbiamo investito in simpatici viaggi ma di certo non ci siamo fatti mancare bei ricordi da fotografare con espressioni di estrema intelligenza condivise con il nostro Otello. Certo facciamo foto in cui riusciamo a sembrare sempre più scemi. I panorami sono di posti vicino a casa; come al solito abbiamo consumato la strada del parco della val troncea ma ci siamo anche eroicamente spinti fin in provincia Granda verso Ponte Chianale dove per altro Otello è stato bravissimo anche alla diga… non abbiamo tralasciato la nostra amata Val Pellice con alcune istantanee dal Rifugio Barbara. Per noi va bene così ci piace ricaricarci spesso e per breve periodo in modo da poterci rigettare con lo spirito rinfrancato nei rispettivi lavori. Non nascondo che mi manchi il mare ma per quello ci pensa Gisella a tenermi compagnia altrimenti il marito lo farei fuori hahaha vi lascio contemplare cotanta bellezza (riferendomi ovviamente a noi)

COLORIAMO LE GIORNATE…

a volte ci troviamo immersi in giornate grige con umori pessimi perchè siamo impegnati a guardarci l’ombelico. Se alzassimo lo sguardo potremmo trovare un amico con cui andare al mercato, prendere un caffè, scambiarsi consigli oppure semplicemente stare assieme. Io ho un sacco di persone che mi vogliono bene, è un dono cui non penso spesso e per il quale non ringrazio abbastanza , anche io spesso vittima dell’adorazione ombelicale… nel mio caso è proprio un problema trovarlo per cui potrei pure essere giustificato o comunque avere un premo come giovane archeologo…

La scorsa settimana mi sono trovata con Gisella per dare nuova vita ad un sacco di lana che mi ha regalato Lucia e così ho ricevuto in dono una domenica piena di gioia senza fare nulla se non stare con altri.  Ricordiamocelo ogni tanto che per non essere soli occorre per prima cosa altare lo sguardo per incontrare gli occhi di qualcun altro.  Oggi inizio le ferie voglio aggiornare il blog e dedicarmi a un sacco di cose tra cui tinteggiare cucina e scale…. vediamo cosa ne uscirà

ovviamente grazie a Filly per aver organizzato il corso di tintura della lana presso la Merceria Pessiva di Rivoli e ai prezioni insegnamenti di Elbert altrimenti col cavolo che riuscivamo nella produzione.

Ps io devo ancora fare i gomitoli… altro che meditazione zen questa si che sarà un’esperienza di profonda introspezione

acquisti creativi

ultimamente sto scoprendo un sacco di bravissime creative che oltre a produrre oggetti meravigliosi cercano di creare un tessuto sociale, relazionale e di crescita che si allinea molto con il mio attuale spirito esistenziale. Chi mi conosce lo sa adoro avere degli oggetti originali e che rispecchino la mia personalità ultimamente cerco quello che mi serve anche nel mondo delle graphic designers e delle illustratrici … insomma ho conosciuto artiste davvero brave e mi sono ripromessa di fare acquisti più mirati e consapevoli anche per conoscere meglio queste realtà. Ecco che quindi ho deciso di acquistare una spilla da Lepetitpoisrose nonchè  Clara Battello.regali Ho scelto la spillina con la cacchina rosa questo perchè avevo davvero voglia di avere sotto gli occhi un oggettino che una volta guardato mi riportasse al sorriso al lavoro, questo piccolo oggetto mi ha folgorata e devo dire che è appuntato orgogliosamente alla mia divisa. Ho in wish list anche una delle sue bellissime tazze. Come vedete dalla foto ci sono molti più oggetti di quanto ordinato, questo perchè lei è stata dolcissima e mi ha super coccolato, questo è anche il vantaggio di acquistare da artigiani invece che da multinazionali la cura del cliente è decisamente un altra cosa. Vi invito a scoprire questa bravissima artista e blogger che ha in cmune con me oltre all’amore per il rosa anche quello per i gatti.

mercoledì ho incontrato il gruppo di Psicosintesi e sono venute a trovarci le due Lucie di Biella; oltre alla gioia di stare assieme e confrontarci sulle esperienze reciproche me ne sono tornata a casa con un super bottino oltre che emotivo anche pratico. lanaLucia mi ha portato un sacco di lana che sua madre ha trovato negli armadi e, non usandola ha deciso di regalarla a me…. Non sapete la gioia; non solo per la quantità e qualità del materiale (il che si traduce anche in un super risparmio per gli acquisti futuri) ma per l’emozione nel portarsi a casa qualcosa che senti profondamente tuo. Ricevere in dono del materiale creativo è sempre un balsamo per l’anima perché mentre lo tocchi lo sistemi , lo metti in ordine inizi a sognare cosa diventerà a chi potrai donare il progetto finire insomma ricevere del materiale creativo è benzina per i propri sogni e per la creatività. In un certo senso ricevere del materiale comprato da altri porta con sè anche l’energia creativa di quella persona e quindi il tutto acquista un potere quasi magico…. ecco un piccolo estratto della mole di materiale stipato nell’armadio…. ormai ho esaurito i posti in cui nasconderli al marito….

nuovi dettagli

un oggetto fatto a mano sta bene in casa, da personalità e originalità anche agli angoli più insipidi. Per fare quell’oggetto qualcuno ha investito il suo tempo, magari libero pensando alla persona per cui lo stava confezionando. Probabilmente nel scegliere il modello ha scartabellato miriadi di schemi in modo da aderire ai gusti del ricevente, oppure ha addirittura ideato il pattern per creare quell’oggetto. A me piacciono le cose fatte a mano che siano collane , scialli, maglie oggetti in legno o in ceramica amo queste cose perchè le scelgo assonanti con la mia personalità. bagno8_SH30_OU29_AC_US218_Amo la mia creatività perchè mi permette in un  sabato afoso mentre faccio le pulizie di crearmi un nuovo portasapone liquido e tutto ha un aspetto diverso. Ultimamente cerco di essere attenta anche negli acquisti delle materie prime, stoffe… lane ecc in modo da avere un prodotto finito che profumi delle storie delle persone che ne anno permesso l’esistenza. Lavorare a mano è un modo per dire al nostro cervello che è possibile concretizzare i nostri pensieri e in un certo senso i propri sogni. Anche oggi è stata una giornata veramente calda.. ieri non ho visto neppure una stella cadente …magari recupero questa notte. Oggi mi sono messa d’impegno a leggere un manuale sull’utilizzo del web per imparare a usarlo al meglio per raccontare i propri prodotti sto cercando di capire se è una strada che potrebbe servire a mio marito che fa l’apicultore.  Onestamente non vedo l’ora che finisca il periodo estivo , tutta questa luce e questo caldo iniziano a stressarmi anche se la cosa che amo di meno dell’estate sono le assenze, le chiusure dei negozi … e in unn certo senso la banalità del periodo….

piccole maglie crescono

con questo caldo non è davvero semplice mettere mano agli hobby creativi … sabato il meteo giurava pioggia, fuori c’era un’umidità assurda…. voglia di lavorare saltami addosso ho deciso di proseguire con la maglia iniziata con il filato della Lain du Nord preso ad Avigliana (Summer Temptation). Il modello è della bravissima Valentina Cosciani si chiama Galop ed è un free se cliccate sul nome arriverete al modello. maglia wip

Mi piace davvero un sacco come sta venendo ma soprattutto non vedo l’ora di arrivare alla parte di traforato. Con il caldo di Sabato mi sono super goduta il mitico caffè freddo preso alla Nespresso .. la mitica limited edition …. e niente se metti il giaccio,

caffè freddo

il latte e sopra il caffè i due restano separati…miracoli della fisica. In questi giornate di caldo anche il caffè diventa nauseante se non è freddo.