creatività · home · me · relax

Immacolata

Aspetto la mattina dell’Immacolata tutto l’anno; credo da sempre o almeno da quando la mia corteccia cerebrale ha iniziato a conoscere il concetto di tempo, questa giornata per me ha sempre quel sapore di colori, biscotti e aghi di pino di plastica. Sono nata in una famiglia in cui fare l’albero è una tradizione e pure il presepe…. una è tradizione femminile l’altra maschile. Mia madre si è sempre occupata dell’albero di Natale e di decorare la casa e in questo è sicuramente una campionessa di creatività.

Da lei ho imparato le regole generali per costruire un albero diciamo omogeneo e ogni pallina che lo decorava portava con se un ricordo o un significato particolare. Quando facevamo l’albero non c’era Istagram e non mi ricordo fosse così pressante l’ansia del … quest’anno lo faccio rosa, bianco azzurro… l’albero di Natale portava con se i ricordi del Natale precedente; non era necessario che fosse omogeneo o bello l’importante è che fosse super colorato ed illuminato. L’albero a casa mia non si è mai fatto prima , badate bene io non sono certo un purista delle tradizioni anzi… ma proprio ieri pensavo a quanto sia bello vedere le case illuminate dall’8 dicembre …. non lo so per me è un segnale del tipo “sciogli le trecce alle renne” fiato alle trombe ” ci siamo!!!” iniziare a prepararlo prima mi da l’idea di un illusione. Io credo che ormai tutto si possa fare anche con ciò che è simbolico, occorre però aver presente il significato che diamo alle cose .

Aspettare quel giorno da bambina era frustrante…ma la gioia che vivevo quella mattina di colori nastri e ghirlande … il profumo di biscotti in forno e la solita cassetta di canti Natalizi mi ha allenato alla consapevolezza che per le cose belle bisogna saper aspettare. Allenarsi ad aspettare, ad avere pazienza allena un po’ ad accettare la ciclicità della vita che ci vengono insegnate anche dalla natura. Con questo pippone non vorrei sembrare una squilibrata che critica chi fa l’albero il primo di dicembre o le città che si illuminano da metà novembre o i negozi che si addobbano di panettoni praticamente appena passato Halloween …era una semplice riflessione.

Stamattina mi sono alzata e in pigiamone di pile versione super sexy ho acceso la playlist Merry Christmas su Spotify ed ho iniziato a decorare la casa… quest’anno ci sono un po’ di differenze, ho deciso di non tirare giù l’albero ma di farne uno differente dai soliti. ho recuperato due bambù un po’ vintage da mio padre e ci ho messo una fila di lucine che ho preso su wish alcuni mesi fa, e niente lo torvo bellissimo anche se non è tradizionale: rispecchia un po’ il mio periodo “essenziale” in cui sto vivendo. Passerò le festività poco da me, molto in giro … ad esempio da mia sorella con la mia nipotina, non avevo quindi troppa voglia di tirare giù tutto il carrozzone e poi di ripulire il tutto il 7 gennaio. E poi diciamo a volte cambiare è bello , almeno nelle scelte estetiche che sono le più semplici….. ora guardo qualche serie tv a tema amore o Natale e poi esco per mercatini con mio marito che ha il medesimo spirito del Grich … speriamo di addolcirlo con coccolata calda con un metro di panna

me · relax

CAFFE’

e a voi come piace il caffè… o meglio vi piace il caffè? in Italia è un po’ sacrilego ammettere di non amarlo … ancora peggio se non si ama l’espresso, eppure…. Diciamo che io la mattina in settimana amo il caffè espresso fatto con la moka ma se ho fretta perché ho dormito fino a tardi va benissimo quello delle capsule. Lo so pure queste capsule ormai sono il demonio ma alle 5 del mattino a me risolvono non pochi problemi … e di conseguenza anche ai miei colleghi (preservando il mio umore già solitamente pessimo la mattina).

Attorno al caffè c’è un mondo ..un po’ come al vino, anche se io non lo conosco per niente e ci capisco davvero poco di aromi e torrefazione. La cosa che io adoro del mondo del caffè potrete immaginare sono le tazzine e tutti i ari orpelli che gli gravitano attorno…. cose strane a me ovviamente ahahaha.

Nel fine settimana mi piace in modo particolare il caffè super lungo …. un tempo l’avrei definito all’americana adesso lo chiamo filtrato. Ne ho letto sul blog di The Blubird Kitchen (food blogger che adoro) e la cosa mi ha appassionato…. per altro a pochissimi euro ho comprato l’apposito “cono ” per metterci i filtri e devo dire che fare una bella colazione lenta mi da un altro sapore alla giornata. Certamente il caffè espresso è un’altra cosa ma devo dire che il mio palato ha ben gradito questa novità. E poi ragazzi quel turchese in cucina ci sta davvero da urlo ahahha, esistono ovviamente apposite macchine per fare il caffè così e caraffe super glamour … in realtà ce la si può cavare bene anche con i vasetti Bormioli ahhaaah

crochet · me · relax

nuovi dettagli

un oggetto fatto a mano sta bene in casa, da personalità e originalità anche agli angoli più insipidi. Per fare quell’oggetto qualcuno ha investito il suo tempo, magari libero pensando alla persona per cui lo stava confezionando. Probabilmente nel scegliere il modello ha scartabellato miriadi di schemi in modo da aderire ai gusti del ricevente, oppure ha addirittura ideato il pattern per creare quell’oggetto. A me piacciono le cose fatte a mano che siano collane , scialli, maglie oggetti in legno o in ceramica amo queste cose perchè le scelgo assonanti con la mia personalità. bagno8_SH30_OU29_AC_US218_Amo la mia creatività perchè mi permette in un  sabato afoso mentre faccio le pulizie di crearmi un nuovo portasapone liquido e tutto ha un aspetto diverso. Ultimamente cerco di essere attenta anche negli acquisti delle materie prime, stoffe… lane ecc in modo da avere un prodotto finito che profumi delle storie delle persone che ne anno permesso l’esistenza. Lavorare a mano è un modo per dire al nostro cervello che è possibile concretizzare i nostri pensieri e in un certo senso i propri sogni. Anche oggi è stata una giornata veramente calda.. ieri non ho visto neppure una stella cadente …magari recupero questa notte. Oggi mi sono messa d’impegno a leggere un manuale sull’utilizzo del web per imparare a usarlo al meglio per raccontare i propri prodotti sto cercando di capire se è una strada che potrebbe servire a mio marito che fa l’apicultore.  Onestamente non vedo l’ora che finisca il periodo estivo , tutta questa luce e questo caldo iniziano a stressarmi anche se la cosa che amo di meno dell’estate sono le assenze, le chiusure dei negozi … e in unn certo senso la banalità del periodo….

crochet · knitting · me · relax

SOS BABBO

Mannaggia la pupazza ho sdrenato l’arcolaio… mi sa che lunedì lo lascio al papy per rianimarlo. Questo l’avevo preso a un mercatino per pochi euro… ma mi scoccia l’idea di buttarlo.

Di.certo papà saprà come sistemarlo … intanto lo uso lo stesso.devo.finire un progetto made Laura Soria. AUGURO A TUTTI UNA BUONA PASQUA per me all’insegna del relax domiciliare

cucito · relax

SORPRESAAAAA

Svelata finalmente la sorpresa, da mesi stavo lavorando ad una coperta patchwork da regalare a mai mamma…. quindi nessuna foto pubblica solo qualcosa su istagram che lei non usa. Come sempre questa meraviglia è nata grazie agli insegnamenti di Monica de Letricotpatchwork di Torre Pellice non mi stancherò mai di ripeterlo che con lei sto imparando veramente un sacco di cose molto interessanti.

Regalare a qualcuno che ami un qualcosa di fatto a mano è davvero impagabile… questo indipendentemente dal risultato… perchè nel fatto a mano sono belle anche le imperfezioni anzi sono proprio quelle a dare personalità al capo. Quando regali qualcosa di fatto a mano regali con lui anche il tempo e l’amore che ci hai messo per costruirlo e in questo caso il sangue a causa delle punture di ago mettendo il bordo a mano ahahah.

Credo che ad ora questa sia la coperta più grande che ho fatto e l’ho imbottita con il caldocotone; una scelta davvero ottima credo non sarà l’ultima che faccio così perché è facile da gestire e davvero molto calda. In Italia spesso regalare le cose fatte a mano sembra un delitto perchè non hai speso di soldi  (a parte che il materiale non l’ho di certo rubato ne…) o perchè la cosa non è griffata… ma davvero per me l’originalità di un qualcosa fatto a mano non ha prezzo è proprio bello sapere che per quanto altre persone abbiano interpretato il modello di Monica nessuno avrà mai la coperta uguale a quella di mamma.

Questo lavoro ha degli inserti (precisamente 4) ricamati a mano a punto erba e punto nodini trovo che quegli inserti diano grande eleganza al lavoro che io amo un sacco … insomma inutile dire che questo lavoro pieno di amore è stato apprezzato e questo mi ha resa estremamente felice….ora inizio a pensare alla prossima

cucito · relax

LETTURE

Ancora non ho finito il libro di Lars Kepler anche perché il mio tempo libero è stato assorbito dai regali di natale e del lavoro top secret che finalmente è terminato (almeno lo  è la parte più complessa).

Oggi ero nella stanza degli hobby intenta come al solito a riordinare… solo chi ha una craft room sa quanto bordello si rigeneri anche se in apparenza tu non stai facendo nulla..manco ci fossero gli elfi di Babbo Natale che ci lavorano di notte (e vi assicuro che non è così). Mi è venuta un’ispirazione…

Il mio e-readr ormai poveretto vecchiotto (me lo sono comprato nel 2012) è senza una cover decente e quindi… e quindi me la sono immediatamente create con un bel sapore Natalizio e anche un po’ in stile fiaba “Il soldatino di piombo“. Ho infatti cercato la stoffa più adatta e ho dato vita ad un regalo fattomi da Daniela lo scorso anno e che ancora non avevo utilizzato … un po’ di imbottitura e Guglielmina (l mia Necchi510) ha fatto il resto.

26047187_10215233887631310_214601871739505604_n

E  voi come leggete? siete di quelli “O mio Dio aborro la lettura digitale perché necessito di odorare la carta…. oppure per semplice comodità di trasporto vi siete convertiti al digitale?”. Come trasportate i libri in borsa? io alla fine preferisco l’e-reader anche perché non si rovina nel trasporto… viaggiando in treno la mia borsa è sempre super piena e odiavo quando si formavano le pieghe alle pagine…

Quest’anno cercherò di leggere di più spero che la mia accattivante cover mi possa incentivare ….. A presto.

Ps: se avete voglia rispondete alle mie domande è sempre piacevole leggere i vostri commenti

relax

BUON NATALE

niente batte la felicità del risveglio la mattina di Natale anche senza bimbi che circolano per casa…. riuniti dopo un cenone fatto di risate ci si sveglia carichi di regali. Adoro fare i regali quei regali pensati appositamente e che danno agli altri la precisa sensazione di essere stati pensati e che in quell’oggetto sia contenuto un po dell’amore che proviamo per loro. non mi resta che augurarvi Buon Natale

Senza categoria

…profumo di feste

in questi giorni ci ho dato dentro con le questioni natalizie … nonostante gli orari un po’ assurdi, gli sioperi dei mezzi e i sempre attuali ritardi di Tremitalia sono riuscita a concludere la maratona natalizia incolume , senza crisi di panico e ora posso godermi la parte che preferisco…..gli incontri natalizi. Adoro incontrare amici sparsi approfittando dello scambio auguri per vedersi almeno per un caffè; proprio come è successo con Cecilia. Non ci vedevamo da un sacco e come semrpe è stato davvero meraviglioso… parlare con le persone che ci vogliono bene e a cui noi stessi ne vogliamo è un chiaro esempio di come il tempo bene speso si trasformi in energia che ti riempie di voglia di vivere e di gioia. Vi sembrerà un post un po’ melenso pazienza … sarà un post dal sapore candy candy … daltronde è il periodo siamo tutti più buoni o no?

Questo è enahe il periodo in cui si tirnao le fila dell’anno in conclusione … ma è ancora troppo presto per pensare a cosa scrivere nella nuova agenda del 2018.25152149_10215098449965453_8765233591340331277_n

i miei animali in compenso riescono a lasciamri sempre senza parole … io sposto il materiale e loro si conformano agli spazi più assurdi come se non avessro comode cucce

intanto ho inziato un altro libro … è Lars Kepler a tenermi compagni in treno ad ora lo trovo davvero coinvolgente.. vi farò sapere appena lo finisco

6020608

 

Senza categoria

PRONTI VIA…

al periodo più affascinante dell’anno quello natalizio… oggi ho preparato l’albero e addobbato casa anche se devo dire che sono molto più morogerata di anni fa.

spero che questo periodo aiuti tutti a pensare agli altri non solo a noi stessi. intanto io mi godo questa giornata di riposo ed ecco a voi il mio albero

Senza categoria

INVERSIONE DI TENDENZA

e niente ho sempre avuto il pollice nero e mai verde …se non con i fiori di plastica. Ma ho dei genitori che riescono a far nascere fiori sul cemento e colleghi che fanno proliferare la qualunque in ufficio…possibile mai che io non possa migliorare…. Eh niente allora non entrata in vivaio e ne ho scelte alcune… vi assicuro che le ho viste preoccupate… avessero avuto le gambe scappavano ajjahaha. vediamo se il prossimo anno le avrò ancora tutte con me …. ma sono determinata e io ho la capatosta.