libri · me · relax

LIBRO 22/19

Finito anche questo libro, l’ho scelto perché mi sembrava simpatico, il titolo mi ha catturata e poi ne avevo letto delle belle recensioni e allora vai di click. Invece una mattonazzo, praticamente la protagonista e la sua famiglia hanno degli strambi “poteri” , che non posso stare qui a raccontare altrimenti vi spoilero troppo. La storia è il racconto della vita di questa famiglia negli anni, della crescita dei figli e della loro evoluzione nel tempo proprio a causa di questi poteri.

non l’ho capito

Che dire l’ho trovato pensante nella scrittura e davvero poco eccitante, chissà come mai …per finirlo ci ho messo 2 settimane, anche se ha solo 332 pagine. Un libro che definirei visionario in cui le vere protagoniste sono le emozioni spesso decisamente amplificate … di tutti i personaggi. La protagonista è una bambina che riesce attraverso il gusto a scoprire le emozioni di chi ha cucinato il cibo che sta mangiando; ecco perchè tutto ruota attorno alle persone e a come lei gestisce i propri nel crescere con questa strana capacità.

Insomma per me è un libro che non consiglierei anche se non posso negare che ha il suo fascino. Il libro si intitola “l’inconfondibile tristezza della torna al limone” …. già la torta al limone non è tra le mie preferite … ora ho un motivo in più per non sceglierla ahaha

libri · me · relax · Senza categoria

meglio se mi informo….

Questi sono giorni di rientro, il treno si è ripopolato l’ospedale pure ..per non parlare del traffico in strada (anche se il top si raggiungerà con l’apertura delle scuole e i genitori già incazzati ai semafori). La web sfera inizia già a popolarsi di consigli per pianificare nuovi obiettivi e piovono mille stimoli anche intellettuali. Alcuni hanno ancora l’abbronzatura…altri come me non l’hanno mai avuta … io ho sempre quel colorito pre -autoptico che fa tanto sanitario (non intendo cesso). Ho ancora una settimana di vacanze estive dove non farò una mazza ahahah, no dai scherzi a parte preparerò i vasetti di insalata mista con mia madre… lo so brivido trasgressivo ma che dirvi ognuno si distende come gli aggrada, che io sia strana non è certo una novità; tenetevi pertanto pronti ad un real reportage sulla dura vita della produzione alimentare fai da te; che si fa in fretta a dire Km zero ecc ma con il mazzo che ti fai a volte rimpiangi le verdurine saclà.

meglio se mi informo

Comunque sono partita da qui ma non centra nulla con quello che volevo dire …benvenuti alla fiera della coerenza comunicativa (biglietto omaggio portate un amico) . Dicevo delle buone abitudini … su qualcosa lavorerò pure io perchè diciamocelo il divaning estremo mi è un po’ sfuggito di mano come pure la questione delle serie tv.

Ma soprattutto con tutto questo casino del Regno unito e del nostro Bel Paese mi sono resa conto che non sono abbastanza aggiornata/informata … Non ho certo intenzione di spararmi mille podcast economico-politici per comprendere; anche perchè ne uscirei sconfitta. Ho però deciso di acquistare un quotidiano ogni mattina in modo da leggerlo al rientro sul treno o nei tempi morti in stazione … risultato? mi sta venendo la passione da inserto …. quasi più che per il quotidiano ahahahah. Sicuramente è importante rimanere informati e per me l’informazione visiva proprio non fa presa anzi tende ad infastidirmi, spesso mi infastidiscono proprio le domande dei giornalisti … quind via di carta stampata e vario il più possibile

Senza categoria

Lavatrici e nuove tecnologie

Accidenti l’altro giorno girovagavo sul web e mi sono lasciata prendere dalle recensioni delle lavatrici… Ma quanto è quella quella del link qui sotto? Troppo interessante la tecnologia di gestione a distanza per me che non vivo in appartamento sarebbe fichissimo poter attivare il tutto con un applicazione … Guardare come la tecnologia ci migliora il futuro … Mi fa quasi piacere le faccende domestiche…. Ho detto quasi eh…

https://www.lg.com/it/lavatrici-e-lavasciuga

libri · me

LIBRO 21/19

Questo libro per me non assolutamente recensibile. Era nella mia wish list da tantissimo ma non l’ho mai comprato per una forma di … diciamo timore reverenziale. Io adoro Daria Bignardi , mi piace proprio lei come donna e come conduttrice … adoro addirittura sentirla parlare: insomma il rischio che mi cadesse un mito era altro ma anche che le sue parole mi trafiggessero come frecce. Come preventivato si è palesato il secondo scenario.

una meraviglia

Un libro che dalla prima pagina ti afferra per i piedi e ti trascina dritto nelle emozioni più dure … nelle paure che credo proviamo tutti e in gran parte delle paranoie femminili. Un libro che racconta una malattia che per lavoro conosco bene e leggere le emozioni dei pazienti per me è sempre di grande effetto. Una donna che si interroga sull’amore, sull’amore che non fa male, sull’amore che rende felice e attraversa con la malattia la propria rinascita.

Un amore un po’ rude ma che è presente con pragmatica concretezza versus un amore ricco di promesse passionali ma insicuro e fragile … domande sulla felicità racconti di un corpo che cambia e risponde alle terapie. Un libro che sostanzialmente fa male … lo immaginavo … avevo ragione. UN libro comunque da leggere per allargare il nostro vocabolario emozionale.

me · relax

CAFFE’

e a voi come piace il caffè… o meglio vi piace il caffè? in Italia è un po’ sacrilego ammettere di non amarlo … ancora peggio se non si ama l’espresso, eppure…. Diciamo che io la mattina in settimana amo il caffè espresso fatto con la moka ma se ho fretta perché ho dormito fino a tardi va benissimo quello delle capsule. Lo so pure queste capsule ormai sono il demonio ma alle 5 del mattino a me risolvono non pochi problemi … e di conseguenza anche ai miei colleghi (preservando il mio umore già solitamente pessimo la mattina).

Attorno al caffè c’è un mondo ..un po’ come al vino, anche se io non lo conosco per niente e ci capisco davvero poco di aromi e torrefazione. La cosa che io adoro del mondo del caffè potrete immaginare sono le tazzine e tutti i ari orpelli che gli gravitano attorno…. cose strane a me ovviamente ahahaha.

Nel fine settimana mi piace in modo particolare il caffè super lungo …. un tempo l’avrei definito all’americana adesso lo chiamo filtrato. Ne ho letto sul blog di The Blubird Kitchen (food blogger che adoro) e la cosa mi ha appassionato…. per altro a pochissimi euro ho comprato l’apposito “cono ” per metterci i filtri e devo dire che fare una bella colazione lenta mi da un altro sapore alla giornata. Certamente il caffè espresso è un’altra cosa ma devo dire che il mio palato ha ben gradito questa novità. E poi ragazzi quel turchese in cucina ci sta davvero da urlo ahahha, esistono ovviamente apposite macchine per fare il caffè così e caraffe super glamour … in realtà ce la si può cavare bene anche con i vasetti Bormioli ahhaaah

libri · me

LIBRO 20/19

Un libro letto praticamente tutto d’un fiato in due giorni…. è arrivato come un bicchiere di acqua fresca dopo il precedente ed è stato un tuffo in una bellissima storia.

Ero abbastanza disillusa … un libro breve, 259 pagine, un’autrice italiana agli inizi…. ingredienti che mi hanno di certo incuriosito ma che alla prima pagina mi vedevano pure un po’ reticente. A catturarmi oltre al titolo la bellissima copertina. Dopo un inizio un po’ tentennante un tuffo nelle emozioni davvero eccezionale, la storia si svolge bene in modo mai banale nè forzato… niente di melenso anche se il fulcro della storia è la possibilità di ritrovare se stessi scoprendosi meravigliosamente imperfetti.

Ora aldilà della retorica il messaggio del libro è positivo e il viaggio nel qualche accompagna il lettore è davvero carico di riflessioni che scaldano l’anima… io amo i libri in cui vivo delle storie che so essere impossibili… proprio per quello stimolano la mia immaginazione (fantasy a parte) insomma questo è un libro davvero bello che consiglio di portarsi sotto l’ombrellone se vi piacciono le belle storie d’amore familiari …. la trama non la scrivo perchè spoilerare sarebbe troppo facile sappiate che una volta iniziato vi emozionerà fino all’ultima riga. Posso dirvi che la protagonista è un adolescente super benestante che ricerca se stessa attraverso la ricerca del ricordo di suo padre. Impossibile non commuoversi … persino in treno.

Senza categoria

ADDOMINALI

In questi giorni lavoro parecchio .. Trenitalia ha deciso che andava bene ridurre i treni per cui rincaso più tardi il che si traduce in una maggiore distrazione … Insomma i bronzei addominali di Matteo mi hanno distolto dalla notizia del turista che dopo una serata in discoteca ha lanciato una pattumiera da una rupe.su una spiaggia dove una famiglia campeggiava ….

Ora sará colpa della famiglia che non aveva con sé delle sirene che ne segnalassero la presenza …. Eh no amici miei il nostro problema non è solo Matteo. Ed è subito sera ….

libri · me

LIBRO 19/19

Quest’autunno voglio leggere la saga del trono di spade …. un po’ perché mi piace il genere un po’ perché credo di essere rimasta una delle poche persone sulla terra a non averlo letto e menchè meno non aver visto la serie TV.

poco caratteristico

Ma bando alle ciance che il libro non è certo uno di quelli… ma sto facendo spazio per potermi ritagliare quella quantità monumentale di tempo…. non ho ancora deciso ma non credo li leggerò consecutivamente a meno che io ne resti assolutamente drogata… cosa possibile data la mia dipendenza dalle serie. Insomma il libro 19 è il primo libro dell’anno bocciato. Solitamente i romanzi della Bertola non mi dispiacciano: tipici romanzi da ombrellone, o comunque da periodo estivo, mi lasciano sempre un po’ di dolcezza sul palato ..stavolta poco.

Simpatica la protagonista, la mitica bibliotecaria Olimpia che si iscrive a questo corso di letteratura per imparare a scrivere un melody …bellissima l’ambientazione… adoro leggere di Torino e attraversarla con i protagonisti ; in questo caso a bordo del mitico 61 . In questo caos però a parte la simpatica protagonista la storia non mi ha proprio convinta e dire che è uno di quei romanzi super pubblicizzati anche da diverse influencer su IG. Diciamo che l’impegno è poco sono 210 pagine circa ma 13 euro per la versione cartacea non li spenderei. Libro da prestito in biblioteca o da ebook come nel mio caso …. niente a che vedere con Biscotti e sospetti